Lucca comics, ragazzi sfilano vestiti da nazisti

Lucca comics, ragazzi sfilano vestiti da nazisti

I giovani, come ha documentato anche il 'Fatto Quotidiano' con un video, ha curato il costume in tutti i dettagli e ha sfilato con un finto carro armato, fascia con la svastica al braccio e bandiere con le croci celtiche in mano. "Il nazismo non è u gioco" ha risposto furioso l'uomo intervenuto per far allontanare i ragazzi. Questi avrebbero spiegato alla polizia che loro intenzione era realizzare una specie di simulazione storica di epoca bellica. Tuttavia, pur non trovando più nessuno dei due "indiziati" sul posto, gli investigatori hanno raccolto elementi molto utili alla loro identificazione. Sul gruppo Facebook in queste ore è apparso il video che mostra anche la contestazione di un visitatore allo sfoggiare così spudoratamente simboli che nulla hanno a che fare con il divertimento come la manifestazione lucchese da anni ha abituato. "Questi episodi ci interrogano rispetto al clima che si respira nel Paese e anche qua, in Toscana, e ci ricordano che non si può e non si deve abbassare la guardia". Si tratterebbe di due ragazzi residenti fuori Lucca e arrivati in città per partecipare ai Comics.

Il Comune di Lucca e Lucca Crea per Lucca Comics "prendono le distanze e condannano il comportamento dei due ragazzi apparsi nel video caricato oggi in rete, offensivo non solo per il festival e tutto il suo pubblico, ma soprattutto per la memoria storica del nostro territorio", si legge in una nota congiunta.

"L'accaduto non è in alcun modo in relazione con il festival, né con le community cosplay, né con alcuna rievocazione storica". Nessun evento della manifestazione, nessun partner, nessuna attività collaterale è coinvolta in questo gesto dei ragazzi. "Il pubblico presente ha immediatamente condannato il gesto e la security li ha prontamente allontanati dall'area, senza l'intervento delle forze dell'ordine comunque poi allertate".