In Romania ci sono state le elezioni presidenziali: i risultati

In Romania ci sono state le elezioni presidenziali: i risultati

Nei giorni scorsi si è insediato a Bucarest un nuovo governo guidato dal liberale filoeuropeista Ludovic Orban. Molto probabilmente si andrà al ballottaggio in programma domenica 24 novembre 2019. L'Autorità elettorale permanente ha riferito che sono stati convalidati 486.688 nei seggi all'estero e che Iohannis ne ha ottenuti ben 261.961. Se il presidente della Repubblica in carica dovesse essere rieletto, battendo la concorrenza tra gli altri dell'ex premier socialdemocratica, Viorica Dăncilă, potrebbe contare su un governo fedele, essendo il candidato alla presidenza proprio del Partito Nazionale Liberale.

Secondo la legislazione romena, il Presidente della Romania si elegge attraverso il voto universale, uguale, diretto, segreto e liberamente espresso. Il capo dello Stato viene eletto direttamente dai cittadini, rimane in carica per 5 anni (la prossima consultazione si terrà nel 2024), e può esercitare la carica al massimo per due mandati.

In Romania, dopo lo spoglio quasi completo relativo al 99,1% delle schede elettorali, si conferma il successo al primo turno delle presidenziali del capo di stato uscente, il conservatore Klaus Iohannis con il 36,6% dei voti. Durante il suo mandato non sono mancate forti frizioni con i leader dei governi socialdemocratici, in particolar modo quando l'esecutivo lo scorso anno ha provato ad approvare una serie di leggi soprannominate "salva-corrotti", che hanno portato centinaia di migliaia di rumeni in piazza per protestare. Al secondo posto si attesta la candidata del Partito socialdemocratico (Psd), Viorica Dancila con il 23,8 per cento (2.033.106 voti), seguita da Dan Barna, Alleanza 2020 Usr Plus con il 13,9 per cento. Tra due settimane ci sarà il ballottaggio. La sua campagna elettorale è stata incentrata sulla lotta alla corruzione e per la legalità.