Gp Usa: a Verstappen le prime libere

Gp Usa: a Verstappen le prime libere

Inoltre, oltre a essere ancora molto sporco, l'asfalto del COTA sembra aver subito degli avvallamenti anomali da un anno all'altro e le vetture sobbalzavano parecchio in alcuni punti della pista, causando non pochi problemi ai piloti.

Ma anche in presenza di condizioni non previste alla vigilia del weekend, i primi verdetti non sono stati all'insegna delle sorprese. Credo sia stato corretto, ho parlato con gli steward: non ho visto le bandiere gialle ed è stata una sfortuna - dice con riferimento alla penalità e alla pole poi passata a Leclerc - Non mi serviva fare il giro perché ero già in pole postion e ho migliorato il mio tempo. Sin dal suo arrivo, Albon ha superato il suo compagno di squadra Verstappen - che ha segnato 39 punti - rispetto ai 58 di Albon. Ottima anche la simulazione passo gara dell'olandese. "Noi siamo qui per lottare per le vittorie, perchè è quello per cui viviamo".

Vettel (anche lui in pista con gomma soft nel primo long-run) ha percorso solo quattro giri, con tempi competitivi ma su una distanza troppo breve per poter valutare il potenziale nell'eventuale primo stint di gara. Leclerc ha comunque fatto segnare 325 contro i 320 massimi di Mercedes e i 325 di Red Bull che come sappiamo sta usando un motore più spinto, regolare ovvio, dal gran premio del Giappone.

A fine giornata molti piloti si sono lamentati delle sconnessioni dell'asfalto che comportano colpi che si ripercuotono sulla schiena. Non mi dispiacciono i dossi sui circuiti cittadini, ma questi sono davvero alti e le velocità sono elevate. Non sarà facile, ma non ci arrendiamo!