Ferrari: in terzo trimestre vetture consegnate +9,4%

Ferrari: in terzo trimestre vetture consegnate +9,4%

Il Cavallino Rampante ha chiuso il periodo con ricavi e redditività in crescita a doppia cifra.

Vista la performance solida nel terzo trimestre, Ferrari ha rivisto al rialzo i target per il 2019: ricavi netti a 3,7 miliardi di euro (la stima precedente era 3,5 miliardi), ebitda adjusted a 1,27 miliardi (tra 1,2 e 1,25 miliardi), ebit adjusted 0,92 miliardi (0,85-0,9), free cash flow industriale superiore a 0,6 miliardi (maggiore di 0,55).

Nel dettaglio, Ferrari ha terminato i primi nove mesi del 2019 con ricavi per 2,84 miliardi di euro, in aumento del 10% rispetto ai 2,58 miliardi realizzati nei primi tre trimestri dello scorso anno; a parità di tassi di cambio l'aumento dei ricavi sarebbe stato del 7,1%.

L'utile netto del periodo giugno-settembre 2019 è sceso del 41% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (169 milioni di euro); considerando tuttavia l'utile netto adjusted, si registra un incremento del 15% (169 mln di euro nel 2019, 146 nel 2018) - un risultato migliore rispetto alle aspettative, che prevedevano un utile intorno ai 167 milioni di euro.

Un aumento di prezzo che significa oltre 1.820 milioni di euro di incremento di capitalizzazione (prezzo a cui tratta un'azione in borsa moltiplicato per il numero di azioni esistenti, sommato all'eventuale debito), come dire che la valutazione che il mercato dà del gruppo modenese controllato da Exor per il 22,91% del capitale (ma col 34,57% dei diritti di voto) è destinata a balzare da poco più di 28 miliardi a quasi 30 miliardi di euro.

Positiva anche la guidance: previsti entro la chiusura dell'anno finanziario ricavi netti per 3,7 miliardi (rispetto ai 3,5 originariamente previsti), un Ebtda adjusted di 1,27 miliardi, Ebit adjusted di 920 milioni e, infine, un flusso di cassa di oltre 600 milioni (a fronte di 550 milioni di partenza). L'adjusted Ebitda è atteso a 1,27 miliardi, in miglioramento rispetto a 1,2-1,25 miliardi indicati finora. Nel corso della conference call a commento dei risultati, Ceo di Ferrari, ha poi sottolineato come Maranello voglia puntare per il futuro anche su una diversificazione del marchio nell'abbigliamento e nell'intrattenimento. Lo rende noto il gruppo Ferrari in un comunicato.