Emma Marrone sul red carpet per il film di Vasco Rossi foto

Emma Marrone sul red carpet per il film di Vasco Rossi foto

Per la seconda volta la malattia ha bussato alla sua porta: la prima dieci anni fa quando si ammalò di un cancro all'utero. L'ex talento di Amici di Maria De Filippi non ha mai detto di aver subito un intervento a causa di un tumore e ha anche spiegato che lo ha fatto per "evitare di scatenare l'interesse morboso" che l'impiego di un termine scientifico avrebbe potuto generare. La 35enne si è detta fortunata (il titolo dell'album non è casuale) per come è riuscita ad affrontare il problema di salute, al quale non ha voluto dare un nome.

A cosa sia dovuta questa virata verso un ritrovato ottimismo è lei stessa a rivelarlo: "Ho un gran c.o perché dopo un mese ero già a presentare il mio disco". "Accettare di stare di nuovo male mi ha aiutata ad arrivare all'intervento con serenità".

Adesso Emma Marrone festeggia i 10 anni della sua carriera con un nuovo tour, con la grinta che l'ha sempre contraddistinta e con una nuova consapevolezza, che solo chi ha vissuto un dramma come il suo è capace di avere. "Ma la combatto con la voglia di vivere" e viene da pensare che è proprio questa ammissione, così difficile da fare e che fa cascare tutti i muri di difesa costruiti intorno a noi per sembrare di essere più forti di quello che siamo, che rende dei veri e inossidabili sopravvissuti.

Una riflessione cruda ma molto realistica quella che ha fatto la vincitrice di Amici ricordando l'operazione di circa sette ore che ha affrontato attorno alla metà di settembre, circondandosi soltanto degli amici più cari e dei genitori. Tutte le mattine mi sveglio con il buonumore, sono diventata ancora più sensibile.

Emma ha poi rivelato che quanto le è accaduto in questo pericolo l'ha cambiata e l'ha resa una persona migliore. "Mentre ci sono ragazzine che hanno combattuto il triplo di me e adesso sono sottoterra".

Ma anche i più grandi guerrieri devono ammettere di aver provato, anche solo per un momento, il sentimento della paura: "Quando l'ho scoperto la prima volta ero solo una ragazzina".