Brasile, Bolsonaro contro DiCaprio: "Ha finanziato gli incendi in Amazzonia"

Brasile, Bolsonaro contro DiCaprio:

Accuse pesanti arrivano per Leonardo DiCaprio, che sarebbe stato accusato poche ore fa di essere uno dei finanziatori della deforestazione amazzonica: a puntare il dito Jair Bolsonaro, presidente nazionalista del Brasile, da molti definito anche il "Trump dei Tropici".

Venerdì 29 novembre ha dichiarato: "Questo Leonardo DiCaprio sembra un tipo a posto, vero?"

Dopo i devastanti incendi dello scorso agosto, DiCaprio si era impegnato a raccogliere finanziamenti per 5 milioni di dollari per l'Amazzonia, considerata il polmone del pianeta.

Questa vile attività di ONG internazionali come il WWF e tanti altri dall'Inghilterra che ficcano il naso in Brasile sta per finire! Qual è la cosa più facile? "Incendiare la foresta. Scattano foto, girano video, una campagna contro il Brasile, si mettono in contatto con Leonardo DiCaprio e lui dà il denaro", ha affermato Bolsonaro senza presentare prove a sostegno delle sue accuse.

Bolsonaro, entrato in carica a gennaio, ha ripetutamente espresso animosità nei confronti di attivisti ambientali, ONG e leader stranieri che si sono espressi in difesa dell'Amazzonia e hanno criticato la sua posizione sull'ambiente.

"Una parte del denaro è andato alle persone che stavano provocando gli incendi".

Ad aggravare la situazione anche i numerosissimi incendi dolosi che sono aumentati dell'82% rispetto al 2018 e secondo Bolsonaro l'attore sarebbe tra gli occulti promotori di questa vera e propria mattanza, nascondendosi dietro la facciata puramente irrisoria di ecologista portata avanti sui social.

"Leonardo di Caprio, lei sta collaborando con gli incendi in Amazzonia", ha detto Bolsonaro in un messaggio trasmesso su Facebook.

Arresti che hanno suscitato la reazione della sinistra brasiliana e dei Verdi italiani che sospettano che la polizia abbia fatto una indagine per avvalorare le tesi anti ong e anti indios dello stesso Bolsonaro.