Trump in prima linea nei nuovi colloqui con la Cina sui dazi

Trump in prima linea nei nuovi colloqui con la Cina sui dazi

(Reuters) - L'azionario Usa guadagna terreno sulle speranze che i colloqui commerciali di alto livello tra Stati Uniti e Cina in corso a Washington porteranno almeno ad un accordo parziale, con il settore tech sostenuto dai guadagni di Apple. "La Cina si rammarica e rifiuta fortemente questo ". A sfoggiare ottimismo e' stato il presidente Donald Trump, galvanizzando Wall Street al termine della prima giornata di negoziati a Washington con la delegazione di Pechino guidata dal vice presidente cinese Liu He. Nel mini-accordo che si profila tra Cina e Stati Uniti potrebbe rientrare anche un'intesa sul piano valutario. L'obiettivo e' allentare la tensione e scongiurare l'entrata in vigore dei nuovi aumenti tariffari previsti dal prossimo 15 ottobre.

Intanto, nelle scorse ore gli Stati Uniti hanno allargato ad altre 28 entità (istituzioni e società) la black list che vieta alle aziende americane di importare tecnologia cinese.

La Cina si è indignata dalle restrizioni sui visti degli Stati Uniti ai funzionari e alle imprese del governo cinese. Il Tesoro Usa lo scorso agosto ha accusato la Cina di essere "un manipolatore di valuta", svalutando lo yuan per esportare di piu'.

Siamo vicini a mettere fine alla guerra commerciale.