Rosy Abate: ci sarà una terza stagione?

Rosy Abate: ci sarà una terza stagione?

L'addio alla serie Tv "Rosy Abate" alla fine della sua seconda stagione è stato un colpo davvero duro da incassare per tutti coloro che ci si erano affezionati e il venerdì sera si sintonizzavano su Canale5 per non perdersi nemmeno una puntata.

Fidanzata con l'attore Niccolò Senni, Paola non fa mistero di aver attraversato momenti anche problematici con Giulia: "I nostri 5 anni di differenza, soprattutto nella fase dell'adolescenza, si sono fatti sentire spesso - ha raccontato - Ci siamo ritrovate e capite quando è arrivato Giulio, il figlio di mia sorella".

I personaggi nuovi che i telespettatori incontrano nel cast di Rosy Abate 2 sono: l'ispettrice di polizia Nadia Aversa (Daniela Virgilio), l'acerrimo nemico di Rosy Abate, Antonio Costello (Davide Devenuto, Andrea di Un posto al sole).

LEGGI ANCHE - I fans di Rosy contro Valsecchi!

Tutti ora sperano di poter vedere presto la terza stagione di Rosy Abate e nonostante il finale, sappiamo bene che nelle fiction tutto è possibile. Durante la sua intervista a Verissimo, ha detto chiaramente che non vorrebbe continuare a vestire i panni della Regina di Palermo perché convinta che non ci possa essere più nulla da raccontare su di lei (ricordiamo che la sua storia ha intrecciato svariate stagioni di Squadra Antimafia). L'idea di cambiare vita inizia a essere qualcosa di concreto.

Con la puntata di ieri di Rosy Abate si è conclusa la seconda stagione delle vicende della Regina di Palermo. Dire che lascio la recitazione è esagerato.

Il week-end si apre all'insegna delle grandi emozioni con Rosy Abate 2.

La donna è felice per il figlio in modo piuttosto contenuto, cercando di assaporare un momento di quella vita 'normale' che desiderava, ma che non sa quanto durerà. "Di certo resisterò a una terza stagione, anche per Rosy deve arrivare la parola 'fine'". Otto mesi dopo Leonardo e Nina si sposano e Rosy è lì ad assistere al matrimonio. Lo sceneggiato Mediaset è sicuramente giunto ad un giro di boa, come testimonia la probabile decisione dei produttori di far morire la protagonista. Siamo tutti molto colpiti e riconoscenti per questa dimostrazione di affetto verso un personaggio entrato nell'immaginario collettivo: lo vediamo dai dati di ascolto Audite, dai record di visualizzazioni delle puntate su Mediaset Play (quasi tre milioni), dall'enorme riscontro sui social.