FCA e Peugeot trattano per possibile fusione

FCA e Peugeot trattano per possibile fusione

La notizia ha già avuto un impatto sui mercati finanziari con il titolo di FCA in volata a Wall Street sopra il 7% (NYSE).

La discussione viene definita dal WSJ "fluida", "senza garanzia sull'esito" e "con più opzioni sul tavolo", l'unica certezza sembrerebbe essere la convocazione straordinaria del consiglio di amministrazione di PSA per mercoledì 30 ottobre, nel pomeriggio.

Se le voci di corridoio verranno confermate, Fiat Chrysler volterà definitivamente le spalle a Renault pur senza abbandonare la strada francese. L'indiscrezione è stata riportata dall'autorevole Wall Street Journal. Sia il gruppo Fca che Psa hanno bisogno di alleanze. Poi, all'improvviso, i colloqui sono stati confermati anche dal Lingotto. "FCA non ha al momento altro da aggiungere".

Non è la prima volta che si parla di una fusione tra i due gruppi.

Il quotidiano economico scrive che nella giornata di ieri è trapelata la notizia secondo cui Fiat Chrysler Automobiles e la francese Psa (proprietaria dei marchi Peugeot, Citroën, DS, Opel e Vauxhall Motors) starebbero "discutendo una potenziale fusione". In questo caso, il ceo della Peugeot Carlos Tavares diventerà il capo della casa automobilistica congiunta. D'altronde, ad oggi la capitalizzazione dell'italoamericana si aggira intorno ai 18 miliardi, mentre quella della controparte intorno ai 22 miliardi.

Con il matrimonio, Peugeot potrebbe beneficiare della fetta di mercato americana di FCA. Il governo francese, riporta Bloomberg, giocherà un ruolo importante in un eventuale accordo.