E' morto Beppe Bigazzi, noto volto de La Prova del Cuoco

E' morto Beppe Bigazzi, noto volto de La Prova del Cuoco

Il giornalista e gastronomo Giuseppe 'Beppe' Bigazzi, famoso per la partecipazione al programma televisivo "La prova del cuoco" con Antonella Clerici su Rai 1, è morto a 86 anni. Era malato da tempo. Ad annunciare la scomparsa è stato il noto chef Paolo Tizzanini, del ristorante L'Acquolina di Terranuova Bracciolini, dove Bigazzi era nato il 20 gennaio 1933. Si avvicinò al mondo del giornalismo e dell'editoria nel 1961 come redattore del mensile diretto da Giulio Pastore "Il Nuovo Osservatore".

La sua passione per la gastronomia lo aveva portato da prima a curare una rubrica sul quotidiano Il Tempo e poi sbarcare in televisione a "La borsa della spesa", sezione all'interno del programma Unomattina su Rai 1. Ma la sua popolarità è legata soprattutto alla Prova del cuoco come co-conduttore di Antonella Clerici. In seguito, è passato a Sky, canale Alice, dove tuttora è co-conduttore del programma Bischeri e bischerate. Nel 2013 era rientrato per una stagione a "La prova del cuoco". Le ragioni sono tutte da attribuire alla citazione del proverbio "a Berlingaccio chi non ha ciccia ammazza il gatto" (che significa "il giovedì grasso chi non ha più carne da mangiare si ciba del gatto") durante la diretta tv Rai. Nel 1966 curò, con lo storico Renzo De Felice, 'I Lavoratori dello Stato', un'edizione critica della raccolta di scritti e discorsi di Giulio Pastore.

Si apprende così che la cerimonia funebre si sarebbe già svolta. Nel 1968 fu nominato vicesegretario generale del Comitato dei ministri per il Mezzogiorno e nel 1970 fu assunto all'Eni dove lavorò fino al 1993, anno del pensionamento, dove ha svolto diversi incarichi dirigenziali. Del resto liguri e vicentini facevano altrettanto e i proverbi ce lo ricordano.