Correa, videomessaggio a 5 settimane dall'incidente

Correa, videomessaggio a 5 settimane dall'incidente

Il 31 agosto 2019 resterà una data funesta per gli appassionati di sport e di motori in particolare, perché quella della morte di Anthoine Hubert, il pilota francese della scuderia Arden che ha perso la vita a causa di un terribile incidente avvenuto durante le prove del Gp del Belgio sul circuito di Spa-Francorchamps. Sono grato di essere qui anche se, ovviamente, ho un lungo percorso di recupero e non è ancora sicuro se riuscirò a recuperare al 100%.

"Sono trascorse cinque settimane dall'incidente", ha dichiarato il pilota di origini ecuadoriane in un'intervista. "Sono molto grato di essere vivo".

Juan Manuel Correa ha superato il periodo critico, proiettandosi adesso verso un lungo percorso di riabilitazione che lo aiuterà a mettersi alle spalle questo brutto infortunio.

LE CONDOGLIANZE PER HUBERT Le condizioni di Correa sono ora migliorate e il 20enne ha postato dal letto dell'ospedale un toccante video, in cui per la prima volta ha potuto pubblicamente fare le condoglianze alla famiglia di Hubert: "Sono passate cinque settimane molto difficili dall'incidente - ha esordito - Ovviamente non l'ho mai detto pubblicamente, ma voglio esprimere le mie più sentite condiglianze alla famiglia Hubert".

"Non pensi mai che qualcosa del genere possa capire finché ci passi". Senza di loro, non ce l'avrei fatta. Questo ha davvero cambiato la mia vita, il modo in cui vedo le cose, il modo in cui penso alla vita e a tutto in generale. "È stata un'esperienza che mi ha cambiato la vita". Poi devo ringraziare voi, per tutti i messaggi che ho ricevuto anche da chi non conosco personalmente. Ho accettato cos'è accaduto e ora devo essere positivo e lavorare duramente per rendere il recupero migliore e più veloce possibile. Il programma è di sottopormi a un'altra operazione lunedì prossimo, poi a inizio a novembre dovrei volare a Miami e iniziare il recupero, che durerà secondo i dottori tra 10 e 12 mesi, prima che possa dire come è il piede destro, attualmente completamente bloccato. Non posso dirvi in che condizioni è il mio piede destro, ma non riesco a muoverlo.

"Per almeno 8-10 mesi avrò ancora la piastra metallica". "Posso fermarmi qui, entrare in depressione ed essere dispiaciuto per me stesso oppure andare avanti, essere positivo e fare del mio meglio per accellerare il recupero".