Bilancio Ue, Sassoli: tagli insopportabili, negoziato sarà duro

Bilancio Ue, Sassoli: tagli insopportabili, negoziato sarà duro

Per la formazione della nuova Commissione Europea si va verso uno slittamento al primo dicembre. Lo ha annunciato il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, dopo la bocciatura di tre candidati commissari, l'ultimo quello proposto dalla Francia, Sylvie Goulard. "Penso che forse la data del 1° novembre non sarà più possibile rispettarla e andremo a quella del 1° dicembre". "Adesso dovranno essere proposti altri tre commissari da parte di Romania, Ungheria e Francia, poi inizieremo in Parlamento l'esame delle candidature", ha spiegato Sassoli a margine del Forum dell'Agricoltura di Coldiretti a Cernobbio (Como). "Un'Italia e un'Europa con la schiena dritta farebbero questo, ma nessuno lo ha ancora fatto e detto", ha detto intanto Salvini questa mattina a Spoleto mentre visitava il carcere di massima sicurezza rispondendo a una domanda dei giornalisti. Perché loro probabilmente hanno gli strumenti per fermare la guerra. "Attenzione però - aggiunge - sono tre i commissari che sono stati bocciati". Adesso se ne esce con la nomina di altri tre commissari e un meccanismo di valutazione degli interessi finanziari.

"Sarà un negoziato molto duro", ha detto invece a proposito del quadro finanziario del bilancio dell'Unione europea. "Già giovedì prossimo al Consiglio europeo se ne discuterà".

"Le indicazioni che sono arrivate nella scorsa legislatura dalla Commissione - ha osservato Sassoli - prevedono dei tagli insopportabili che potrebbero colpire fortemente il settore agricolo ma non solo".