Berlino "Stop accordo Malta se aumentano i migranti"

Berlino

"Ci sono circa dieci Paesi pronti a prendere parte, e forse anche altri dopo i dettagli che abbiamo fornito". "Abbiamo trovato dei Paesi che immediatamente hanno dato la loro condivisione - ha specificato il ministro - perché ogni volta che abbiamo avuto degli sbarchi hanno dato disponibilità". Il governo giallo-rosso che ha esultato per questo accordo sugli immigrati auto-celebrandosi per il successo di una linea morbida, opposta a quella di Matteo Salvini, ora rischia di ritrovarsi con una quantità di migranti che nessuno in Europa vorrà accollarsi. "A noi interessa che venga allargato il più possibile e per quello stiamo lavorando".

Più probabile invece trovare una sponda in quei paesi che anche in passato hanno mostrato di condividere il principio della ripartizione degli oneri come Irlanda, Lussemburgo e Portogallo.

Difficile appare anche trovare il sostegno dell'Olanda, che ritiene che la pressione in Italia non sia tale da giustificare un accordo ad hoc, soprattutto visto che in proporzione alla taglia e a alla popolazione del paese, i Paesi Bassi ricevono più domande di asilo. L'argomento "non c'è ancora l'ordine del giorno" del Consiglio Europeo di dicembre, ma "faremo di tutto perché se ne parli, perché è nostro interesse". L'Italia, ricorda, ha "fatto un percorso che vorremmo vedere chiuso: saranno 7, 8, 10, 12 Paesi, non lo sappiamo, ma vediamo di arrivare ad una conclusione".

Neanche a dirlo, i quattro di Visegrad (Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia) di distribuzione automatica non ne vogliono sentir parlare, mentre finora una chiusura è arrivata anche dalla Spagna. Quanto ai migranti che saranno oggetto della redistribuzione, il preaccordo di Malta, ricorda il ministro, "parla di richiedenti asilo".

Arrivando in Lussemburgo Fernando Grande-Marlaska Gómez, ministro ministro spagnolo dell'Interno ha detto che Madrid appoggia "tutti i progetti che rispecchiano solidarietà". Ma all'interno dell'Ue gli italiani non sono gli unici ad avere problemi con l'immigrazione e anni di timori e indifferenza non si cancellano con un colpo solo.