Alitalia, Lufthansa torna in campo

Alitalia, Lufthansa torna in campo

Lufthansa torna in pista nella vicenda Alitalia e si propone alle Fs come alternativa all'americana Delta nell'operazione di salvataggio della compagnia aerea italiana.

Un annuncio a sorpresa sul caso legato alla vendita di Alitalia, con Lufthansa che sarebbe pronta ad entrare nella cordata di acquisto al posto di Delta Airlines. La proposta, sarebbe però di una partnership commerciale, non di un ingresso nelle quote societarie. In proposito, il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, garantisce che la lettera di Lufthansa sarà valutata "asetticamente" perché "il Ministero in un'operazione di mercato ha un ruolo di vigilanza sulla struttura commissariale, non certamente di sponsor di un'operazione di mercato tra privati". Su eventuali problemi di cassa della compagnia e della necessita' di una nuova ricapitalizzazione, il ministro ha evidenziato che "c'è una scadenza, il 15 ottobre". Luciano Benetton ha giocato di sponda, affermando che "il progetto Alitalia dovrebbe passare attraverso chi ha esperienza tecnica e di gestione", e Lufthansa ne ha "molta". Il colosso tedesco tuttavia piace all'azionista di Atlantia, la famiglia Benetton, e il suo rinnovato interesse non è certo olio per i delicati ingranaggi della trattativa in corso. Inoltre, l'uscita di Alitalia da SkyTeam avrebbe un costo che si stima intorno ai 300 milioni. Tali dichiarazioni, ha successivamente precisato, non sono da intendere in linea di principio come la preferenza di un partner piuttosto che di un altro. E infine, la durata minima dei Governi che si sono succeduti non ha mai consentito di prendere una decisione che non fosse limitata a come sopravvivere alla durata stessa del governicchio di turno. Non si può continuare a rinviare questo tema, serve un piano industriale preciso.

Insomma, un disastro che ci sta dissanguando, cosa della quale non avevamo proprio bisogno.