Tennis: Us Open, Nadal "Berrettini è già un grandissimo"

Tennis: Us Open, Nadal

Adesso è nono, si qualificano i primi otto, e ci sono ancora i tornei in Asia. Ora è a solo un titolo di distanza dal record di Roger Federer.

Due partite in una. "Ma lui è quello che fa questo salti pazzeschi". "In gran parte dei casi avrebbe vinto, ma sono stato fortunato". La classifica la guardo, non si può non farlo, sta andando tutto molto velocemente. Io cerco soltanto di essere me stesso.

UsOpen 2019, è storia per l'Italia: 42 anni dopo un italiano conquista le semifinali. Nadal è preoccupato, ma al settimo game arrivano tre palle break. Siamo 4-4. Lo spagnolo tiene però benissimo i suoi turni di servizio, mentre continua a mettere in difficoltà il russo nei turni in risposta.

Il primo set sembra ormai indirizzato al tie-break. Sono entrato a testa alta anche se il braccio tremava. Nadal non molla, si prende il servizio del tennista azzurro anche nel 5° game, c'è stanchezza, rammarico, che irrigidiscono il braccio del fuoriclasse dell'Italia, 4-1, 5-1, 6-1. A differenza di Medvedev Nadal coglieva l'occasione nel quinto game, grazie anche ad un'incertezza sotto rete di Medvedv e tornava di nuovo avanti di un break. E lo chiude 6-3. Berrettini ha dovuto per forza di cose rinunciare a qualche torneo, ma ha così avuto la possibilità di recuperare tutte le energie per presentarsi con una forma smagliante agli US Open. Per Matteo Berrettini può invece essere la rampa di lancio di una grande carriera. Matteo l'annulla, va in vantaggio e si aggiudica il game innervosendo il maiorchino. Stavolta no, dalla notte americana è uscito un ragazzo ancora più forte, che ha la residenza a Montecarlo (i guadagni dell'ultimo anno e quelli del prossimo futuro glielo permetteranno.) ma che al rientro a Roma vivrà una nuova vita, quella di un campione dello sport e di un esempio per i più piccoli. E il magic moment del russo si conferma anche nella quarta frazione. In finale troverà Daniil Medvedev, che ha battuto nell'altra semifinale Dimitrov. Probabilmente lo farà anche lui nelle prossime ore. "Il mio obiettivo era vincere quel punto e andare 4-1 e servire". Niente da fare, questa incredibile partita non ne vuole sapere di finire. Intanto Berrettini, uscito dalla semifinale tra gli applausi di tutti, si sveglierà lunedì, ma solo da un riposo post Us Open. La tensione è alla stelle.