Nuovo attentato a Kabul all’ombra delle trattative tra Usa e talebani

Nuovo attentato a Kabul all’ombra delle trattative tra Usa e talebani

Nella zona presa di mira, sembra non sia un caso, vivono molti stranieri e hanno sede diversi uffici delle Nazioni Unite. Sono invece almeno 119 i feriti.

In cambio del ritiro delle truppe statunitensi, i talebani avrebbero assicurato che l'Afghanistan non sarebbe mai più stato usato come base per gruppi militanti che cercano di attaccare gli Stati Uniti e i suoi alleati. Il trattore - come riferito dalle autorità - è esploso vicino al vasto complesso del Green Village. Non ci sono dettagli immediati su vittime in seguito alla detonazione, che arriva mentre il rappresentante speciale degli Usa per la riconciliazione afghana, Zalmay Khalizad, è nella capitale afghana per discutere in vista di un accordo di pace con i Taliban. Il terrorismo ha di nuovo sconvolto la città proprio nel momento in cui sembrava possibile un dialogo tra le varie forze in conflitto, per mettere fine agli ormai 18 anni di guerra. L'intesa prevede che 5mila militari americani abbandonino l'Afghanistan entro 135 giorni dalla firma.

I soldati americani presenti attualmente sul suolo afghano sono circa 14mila, anche se già la scorsa settimana il presidente americano Donald Trump aveva annunciato di volerli ridurre a 8600.

Nata in provincia di Pisa il 26 giugno 1991. Assieme a due colleghi ha vinto il Premio Morrione 2018 con un'inchiesta internazionale sulla fabbrica di armi RWM in Sardegna.