Juve, Sarri migliora: potrebbe essere in panchina al Franchi

Juve, Sarri migliora: potrebbe essere in panchina al Franchi

"Ringrazio lo staff medico che mi ha coccolato per 20 giorni - prosegue il tecnico - Ho accettato consapevole che il mio staff stava andando avanti alla grande in campo e in panchina". Poi lasciatemi sfogare qualche volta nei post partita ma ho sempre detto che la Juventus era la più forte in ogni senso. Mia nonna abitava a 500 metri dallo stadio di Firenze, quindi la fede della famiglia, a parte la mia che ero tifoso del Napoli, era viola.

Io penso solo al campionato, da domani penseremo al resto. In questa fase però ho privilegiato questo aspetto di dare un'identità e un assetto che non sarà quello definitivo, ma in questo momento ci dava qualcosa in più.

Ma c'è anche un retroscena famigliare: "L madre di Maurizio quando ha saputo che aveva firmato per la Juve, gli ha detto 'non ti parlo più'". Non è semplice né gratificante per un allenatore fare delle scelte che poi possono non essere condivisibili.

Paura per l'esordio in panchina? E si sa, la mamma è sempre la mamma. Poi i dottori hanno deciso di tenermi lontani da allenamenti e partite per sicurezza, ma sono sempre stato coinvolto e le ho sentite come partite cui ho partecipato anche se dovevo delegare. "Non lo considero un esordio, anche se tornare a Firenze a 15 minuti da casa mia mi fa estremamente piacere".