Il figlio di Grillo indagato per violenza sessuale

Il figlio di Grillo indagato per violenza sessuale

Il figlio di Beppe Grillo, il 19enne Ciro, è indagato per violenza sessuale di gruppo, insieme con altri tre amici. Il figlio Ciro di 19 anni, e tre amici, sono indagati per una presunta violenza sessuale di gruppo ai danni di una modella di origini scandinave incontrata in una discoteca a Porto Cervo.

Ad interrogare i quattro giovani per ore, ci ha pensato il magistrato Laura Bassani, pubblico ministero della Procura di Tempio Pausania, titolare del fascicolo.

È una vicenda giudiziaria su cui è calato il più stretto riserbo, quella scaturita dalla denuncia che la ragazza ha presentato lo scorso 6 agosto ai carabinieri della compagnia Duomo di Milano.

Ci sarebbe un video, trovato su uno dei cellulari, che proverebbe lo stupro per l'accusa, con la ripresa integrale del rapporto sessuale.

L'unico commento sulla vicenda arriva da Gregorio Capasso, il capo della Procura di Tempio Pausania: "Faremo presto, a garanzia degli indagati e della parte offesa"."Data la delicatezza del caso - ha precisato poi il procuratore - sulla vicenda manteniamo il massimo riserbo". Consumato nella residenza estiva di Beppe Grillo.

I fatti si sarebbero svolti in Sardegna, in Costa Smeralda. Nell'appartamento accanto c'erano i ragazzi, ma secondo la loro versione sarebbe stato impossibile commettere una violenza -soprattutto la mattina - senza farsi sentire da vicini e familiari: si tratterebbe di un'abitazione di una sessantina di metri quadrii n un residence a schiera.

Ad accusare Ciro Grillo e altri tre giovani, il racconto di una studentessa norvegese. Ma i ragazzi continuano a smentire questa ricostruzione.

I quattro ragazzi - Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria e il figlio di Grillo - sono tutti figli di imprenditori, medici e professionisti della Genova bene.