Ecco come TripAdvisor dà la caccia alle recensioni false

Ecco come TripAdvisor dà la caccia alle recensioni false

Delle sessantasei milioni di recensioni che sono state inviate a TripAdvisor nel 2018, un milione di esse sono risultate essere false.

Il report svela anche che dal 2015 TripAdvisor ha bloccato l'attività di più di 75 siti che tentavano di vendere recensioni, incluso un individuo che l'anno scorso è stato condannato a 9 mesi di carcere dal Tribunale Penale di Lecce.

L'azienda ha cancellato 1,4 milioni di recensioni false sulle 66 milioni pubblicate nel 2018, quindi poco più del 2% fra quelle analizzate dagli algoritmi automatizzati e dai moderatori umani. Su 66 milioni di recensioni inviate alla piattaforma di viaggi nel 2018, il 4,7% è stato rimosso o respinto.

La quasi totalità delle azioni svolte è partita dalla piattaforma stessa, considerato che meno dell'1% delle recensioni è stato segnalato dagli utenti o dalle aziende per potenziale violazione delle linee guida.

RECENSIONI BLOCCATE PRIMA DELLA PUBBLICAZIONE - Gli analisti del Report sulla Trasparenza delle Recensioni di TripAdvisor hanno rilevato anche che solo una piccola parte di tutte le recensioni inviate - il 2,1% - è stata giudicata falsa e la maggioranza di queste (73%) è stata bloccata prima di essere pubblicata.

Il report analizza un insieme di dati di un intero anno sulle recensioni inviate al sito dalla community di viaggio globale, svelando il volume totale delle recensioni inviate a TripAdvisor. Le ragioni che hanno portato a decisioni di questo tipo sono tante: si parte dalla violazione delle linee guida a frodi organizzate. I controlli da parte del team vengono effettuati entro 6 ore dal'invio dei contenuti.

Oltre alla rimozione delle recensioni false, TripAdvisor ha attuato penalizzazioni in classifica per 34.643 business: in concreto, gli hotel o i ristoranti "furbetti" hanno subito una diminuzione della posizione nella classifica di popolarità o dei viaggiatori sul sito. “Anche se stiamo vincendo la lotta contro le recensioni false su TripAdvisor, possiamo proteggere solo il nostro angolo di Internet. "È tempo che realtà come Google e Facebook scendano in campo per unirsi a noi nel contrastare il problema". "Negli anni abbiamo continuato a fare progressi con i nostri sistemi avanzati di individuazione delle frodi ma è una battaglia quotidiana e siamo ancora lontani dall'essere completamente soddisfatti" ha dichiarato Becky Foley, Senior Director of Trust & Safety di TripAdvisor. Più nello specifico, di quel 4,7% solo un 2,1% è stato classificato alla voce 'recensioni palesemente false', che oltre all'ostilità dello stesso sito si sono attirate in più tappe anche le attenzioni dell'Antitrust. I recensori a pagamento sono individui o aziende che tentano di vendere recensioni degli "utenti" ai business presenti su TripAdvisor. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Le cause perse sono il mio forte.