Donald Trump annulla i colloqui di pace con i talebani

Donald Trump annulla i colloqui di pace con i talebani

"All'insaputa di quasi tutti - è il tweet di Donald Trump - i principali leader talebani e, separatamente, il presidente dell'Afghanistan, mi avrebbero incontrato di nascosto domenica a Camp David".

Si trattava di una riunione storica che avrebbe potuto aprire all'accordo di pace con i ribelli Pashtun che una volta ospitarono e sostennero la mente degli attacchi dell'11 settembre, Osama bin Laden. La decisione è arrivata dopo che i talebani hanno rivendicato un attacco a Kabul nel quale hanno perso la vita 12 persone tra cui un soldato americano. Eppure l'intesa sembrava oramai a portata di mano, nonostante nei giorni scorsi fosse trapelata l'indiscrezione sullo scetticismo del segretario di stato americano, Mike Pompeo. Nel testo si sottolinea infine l'ambiente positivo in cui si sono svolti finora i negoziati e di fatto, si manifesta la disponibilità dei Talebani a riprendere i contatti per raggiungere un accordo politico. Per i restanti 8.600 soldati l'addio sarebbe quindi stato legato al raggiungimento dell'accordo tra le parti afghane: la speranza di Trump era entro 16 mesi, giusto prima delle elezioni presidenziali. Se non riescono ad accordarsi su un cessate il fuoco durante questi importantissimi colloqui di pace e uccidono addirittura 12 persone innocenti, probabilmente non hanno il potere di negoziare comunque un accordo significativo. Sfortunatamente, al fine di creare un'arma di pressione hanno ammesso un attacco a Kabul che ha ucciso uno dei nostri soldati migliori, e altre 11 persone. "Ho immediatamente cancellato l'incontro e annullato i negoziati di pace", rivela Trump su Twitter. "Gli Stati Uniti pagheranno un prezzo e soffriranno più di chiunque altro per aver sospeso i negoziati", afferma un comunicato degli insorti.

"Non l'hanno fatto (di rafforzare la posizione negoziale, ndr) - continua Trump - hanno solo peggiorato le cose! Quanti altri decenni sono disposti a combattere?".