Di Maio contro Conte: "L’obiettivo del governo è abbassare le tasse"

Di Maio contro Conte:

Il presidente del Consiglio, da parte sua, ha precisato che, nello specifico, sulla tassa sulle merendine "non è deciso ancora nulla, la valuteremo insieme, ci ragioneremo e ci confronteremo".

"L'obiettivo è abbassare le tasse, non aumentarle": lo ha ribadito a New York il ministro degli esteri Luigi Di Maio accanto al premier, sottolineando che sulle tasse "siamo d'accordo".

"È totalmente sbagliato scatenare un dibattito ogni giorno per parlare di nuovi balzelli", osserva Di Maio su Facebook. "Questo è il nostro obiettivo ed è così che vogliamo andare avanti". Un Governo che vuole fare il bene delle persone toglie tasse sul lavoro per permettere alle imprese di assumere nuova gente. "E' prematuro dire se decideremo di sì, tra le ipotesi che ho ventilato c'è anche questa possibilità, un'iniziativa che rappresenta un nuovo approccio in termini di cultura alimentare e per la salute dei nostri bambini". Vediamo di non avere effetti collaterali. E' surreale che si pensi a queste misure.

Secondo Boccia "bisognerebbe tutelare i fondamentali di impresa e non aggredire le imprese dal punto di vista fiscale per fare cassa nel Paese. Abbiamo bisogno di più competitività per costruire lavoro: questo dovrebbe essere il fine del Paese e del governo", conclude.

Sul piede di guerra anche l'opposizione. "Anziché tassare merendine, bibite gassate e biglietti aerei, il governo la smetta di tenere artificiosamente in vita Alitalia con il denaro dei contribuenti, ad esempio", scrive su Twitter il segretario di Più Europa, Benedetto Della Vedova. "Ed è questo Governo che noi sosteniamo", continua Di Maio.

Dai prelievi al bancomat alle merendine, dalle bevande ai biglietti aerei è tutta un'escalation per arrivare a un solo, inevitabile approdo: la patrimoniale giallorossa. "Altro non ci potevamo aspettare dal governo delle quattro sinistre e delle mille tasse". "Dobbiamo addivenire a una disciplina organica che non faccia percepire il fisco come un nemico", afferma.

Molti gli argomenti in agenda per il debutto del ministro degli Esteri all'Onu: le priorità sono la Libia, la stabilizzazione del Mediterraneo, la gestione dei flussi migratori e la promozione del Made in Italy all'estero. Il cuneo fiscale per risorse a favore dei lavoratori. Ma io non sono stato eletto per passare le mie giornate a dire che non è così. È doveroso tutelare chi fatica dalla mattina alla sera", dice Di Maio che sul Def aggiunge: "Se questo governo esiste, è perché lo sostiene il MoVimento 5 Stelle.