Choc in Francia: malati di Alzheimer usati come "cavie umane"

Sconcerto in Francia per la scoperta di presunte sperimentazioni cliniche "selvagge" a Poitiers. L'agenzia francese per il farmaco (ANSM) è intervenuta bloccando questa "sperimentazione selvaggia" mentre la ministra della sanità Agnès Buzyn si è detta "inorridita" e ha annunciato "pesanti sanzioni". Su almeno 350 pazienti sono state testate molecole dagli effetti sconosciuti. "Siamo ai confini della ciarlataneria".

La posizione del professor Henri Joyeux, criticato per la sua posizione no vax - I test "selvaggi" su centinaia di pazienti sarebbero stati condotti nel quadro della struttura Fonds Josefa, di cui uno dei maggiori responsabili è il professore Henri Joyeux, già criticato dalla comunità scientifica soprattutto per le sue posizioni anti-vaccini.

Ma secondo l'Ansm, "la qualità, gli effetti e la tolleranza di queste sostanze non sono conosciute" e "non si può escludere che rappresentino un rischio per la salute dei pazienti". "Si tratta di un fatto gravissimo", ha inoltre dichiarato Buzyn. Il professore ha però dichiarato di "non avere nulla a che vedere con questo specifico test clinico", rifiutandosi di aggiungere ulteriori delucidazioni a riguardo.