Bancomat, tassa sui prelievi contanti

Bancomat, tassa sui prelievi contanti

Egregio Severgnini, puntuale come la venuta dei funghi in autunno, questa volta per iniziativa di Confindustria, ecco una nuova proposta di tassa, quella di tassare l'uso del contante e i prelievi bancomat per lottare contro l'evasione fiscale.

Chi paga la tassa sul contante?

Tra le varie ipotesi allo studio del MEF, è centrale il tema delle agevolazioni per chi usa mezzi di pagamento tracciabili.

Tassa sui contanti in Legge di Bilancio 2020?

Sempre in relazione ai pagamenti con bancomat, sarà fondamentale definire il profilo delle sanzioni per chi rifiuta il pagamento con POS, che finora è stato obbligatorio soltanto nella teoria per gli esercenti, tenuto conto che non è previsto un vero e proprio sistema di di multe. La lotta all'evasione e il recupero del sommerso sono punti chiave del Governo Conte-bis, che segue linee ben diverse rispetto al precedente Esecutivo a guida M5S-Lega. Solo a me è chiarissimo?

Il Governo italiano guarda ad altri Paesi nella sua personale lotta all'evasione, e trae ispirazione dal Portogallo, in cui chiedendo la fattura elettronica è possibile ottenere una detrazione del 15% dell'importo pagato in albergo, al ristorante, ma anche dal parrucchiere, nella dichiarazione dei redditi.

L'idea è nata da Confindustria e si basa sulla possibilità di intervenire con un incentivo ed un disincentivo, cioè in una sorta di bonus/malus per chi rispettivamente utilizza tanto o poco il bancomat, la carta di credito e in generali i mezzi di pagamenti che consentono la tracciabilità delle transazioni.

Niente di tutto ciò ha nessuna speranza di funzionare se non si procede con una seria previsione di sanzioni per gli esercenti che rifiutano i pagamenti col POS.

Anche per questa nuova Legge di Bilancio 2020, quindi si torna a parlare di digitalizzazione dei pagamenti che tradotto significa introdurre una tassa per limitare l'uso del contante.

Il progetto prevede la sottoscrizione di un protocollo con ABI a cui dovrebbero aderire volontariamente i principali circuiti di pagamento e gli emittenti delle carte di debito/credito.