Allarme ranitidina, la richiesta dell'Ema: "Testare tutti i farmaci per impurità cancerogene"

Allarme ranitidina, la richiesta dell'Ema:

Tutti i farmaci autorizzati al commercio nell'Unione Europea devono essere testati, alla caccia dell'eventuale presenza di nitrosammine, le sostanze cancerogene che hanno spinto l'Aifa al divieto d'uso e al ritiro di numerosi lotti di farmaci con ranitidina. Lo richiede l'Ema, l'agenzia europea per i medicinali. La precisazione, però, è che si tratta di una decisione solo a scopo precauzionale e che riguarda tutti i farmaci che contengono principi attivi prodotti da sintesi chimica. "Se le nitrosammine vengono rilevate in uno qualsiasi dei loro medicinali, i titolari delle autorizzazioni all'immissione in commercio devono prontamente in modo che possano essere intraprese adeguate azioni normative". Alla base, si dovrebbe tenere conto delle linee guida pubblicate insieme alla conoscenza dei processi di fabbricazione dei loro prodotti e di tutte le altre prove scientifiche pertinenti, precisa l'Ema.

L'Ema ha diramato un annuncio in cui invita chi è stato autorizzato a mettere in vendita i farmaci in questione ad informare le autorità competenti in caso di possibile ritrovamento di nitosammine.