Zingaretti: "Dalle parole di Di Maio quadro su cui iniziare a lavorare"

Zingaretti:

"Noi non lasciamo la nave affondare non lasciamo che a pagare questa crisi siano gli italiani, perché l'Italia siamo tutti indistintamente dai colori politici e dagli interessi di parte".

Il risultato della propaganda salviniana sono le ordine di utenti che sono andati a commentare sulla pagina Facebook o sul profilo Twitter del Quirinale per dire al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che cosa dovrebbe fare. "C'è stato un clima costruttivo".

"C'è stata un'ampia convergenza sui punti dell'agenda ambientale e sociale".

M5s: "Litigano tra loro". Ma il segretario del Pd ha ribadito la necessità "un governo di svolta", non per una questione personale, ma per rimarcare una necessaria discontinuità. "L'incontro con il M5S lo abbiamo condotto insieme, il sottoscritto con i capogruppo, che hanno orientamento diverso del mio". Non siate troppo severi e crudeli nel giudicarli, in fondo durante la scorsa legislatura abbiamo avuto fior fiore di giornalisti che hanno ripetuto a più non posso la storiella di Renzi (o Letta, o Gentiloni) premier "non eletto dal Popolo" e che sono stati colti da improvviso mutismo quando è comparso sulla scena l'Avvocato del Popolo Illustrissimo signor Giuseppe Conte.

Il dialogo dei Cinque Stelle con i democratici per un nuovo esecutivo è avviato ma Di Maio ha fissato un decalogo che vuole essere la via maestra. "Si deve fare". L'assemblea intanto ha dato mandato a trattare con il Pd. Tutti e due siamo per lavorare a un governo forte e solo dopo per affrontare il voto. Sicuramente non dispiace al Pd, la conduzione della Difesa di Elisabetta Trenta e quella ai Beni culturali di Alberto Bonisoli.

I POSSIBILI MINISTRI - Un nome possibile per la presidente del consiglio che circola in questo momento è quello dell'economista Enrico Giovannini, che si aggiunge a quelli già spesi nei giorni scorsi come la possibile "quota rosa" di Marta Cartabia, la quale però a dicembre potrebbe diventare presidente della Consulta. "Il tavolo su sapere e ricerca, con i capigruppo delle commissioni scuola e cultura, sarà coordinato da Camilla Sgambato". Lo rende noto il coordinatore della segreteria nazionale Pd Andrea Martella. Il primo è il taglio dei parlamentari, c'è il taglio delle tasse, c'è l'economia circolare, c'è l'autonomia, c'è un piano di investimenti per il Sud... ci sono tante riforme da fare - tira dritto Di Maio -.