Viviani è il nuovo campione europeo

Viviani è il nuovo campione europeo

Più che una corsa, un capolavoro.

Abbraccia i compagni uno ad uno, abbraccia i tecnici e lo staff e per ognuno ha un "grazie" perché sa che solo con l'appoggio di una grande squadra si possono ottenere grandi risultati: "Credo che oggi abbiate conosciuto un Elia nuovo, un Viviani che non ha paura di fare la gara dura e che rischia anche".

L'azione ha avuto come primo effetto quello di neutralizzare il grande favorito Dylan Groenewegen, con gli olandesi impegnati in un inutile inseguimento per riportarlo in testa. Argento al belga Yves Lampaert, bronzo al tedesco Pascal Ackermann. I tre sono andati via d'amore e (quasi) d'accordo fino agli ultimi tre chilometri, quando sono iniziate le schermaglie tattiche.

Elia Viviani è il nuovo campione europeo. Quando ci sono le gambe, si può fare.

Il veronese racconta così come è nato l'attacco decisivo: "Il gruppo si stava avvicinando e le energie stavano per finire, Lampaert ha fatto un allungo, ci siamo girati e ci siamo accorti che eravamo in tre, e da quel momento ho pensato 'proviamoci è giusto giocare'". Per il corridore della Quick Step (che ha già firmato un contratto con la francese Cofidis per il 2020) si tratta della 76ª vittoria in carriera. Viviani succede nell'albo d'oro continentale al connazionale Matteo Trentin. Per lui e per gli azzurri l'obbiettivo grosso adesso è il mondiale nello Yorkshire, a fine settembre.