Spacciatore con il reddito di cittadinanza, il giudice: Trovati un lavoro

Spacciatore con il reddito di cittadinanza, il giudice: Trovati un lavoro

A confermarlo è stato anche il deputato del Partito Democratico Francesco Boccia, che ha affermato: "Il reddito di cittadinanza era un punto fermo della politica del Movimento 5 Stelle e inevitabilmente è una delle misure che dovrà essere potenziata da una redistribuzione diversa da come è stata fatta".

Per evitare che situazioni del genere si ripetano, dunque, i controlli dello Stato non si fermano e, anzi, a partire dai prossimi mesi, verranno affiancati da delle indagini a campione affidate agli enti locali.

La Finanza di Savona ha individuato un lavoratore "in nero" i cui familiari percepiscono il reddito di cittadinanza. La convocazione sarebbe dovuta arrivare nei 30 giorni successivi all'arrivo del reddito. La sezione descrive il percorso che porta alla sottoscrizione del Patto per l'inclusione sociale e raccoglie le informazioni tecniche e gli strumenti operativi per sostenere il compito che gli operatori sono chiamati a svolgere. Ameno finché non arriverà il decreto che stabilisce la documentazione richiesta per ricevere il sussidio, l'Inps ha sospeso l'accettazione delle domande. Tutte le Regioni sono pronte a partire, ad eccezione della Campania.

L'invito non riguarderà solo l'intestatario del reddito, ma tutti i maggiorenni della famiglia non occupati o che non frequentano un regolare corso di studi. Saranno invece esclusi i beneficiari della pensioni di cittadinanza o gli over65, nonché i disabili (per i quali può esserci però un'adesione volontaria finalizzata alla ricerca del lavoro). Coerenza tra offerta lavorativa e competenze del singolo, la distanza del domicilio e la durata dello stato di disoccupazione. Dopo 12 mesi anche per la prima offerta la congruità è riconosciuta se si è entro i 250 chilometri. Per la Mazzola sarà importante saper gestire "le politiche attive per chi sottoscriverà i patti per il lavoro, che obbligatoriamente dovranno essere accompagnate da percorsi di formazione e riqualificazione, necessari a rendere fattibile l'occupabilità di queste persone nel sistema del mercato del lavoro di Bergamo, che sempre di più necessita di personale specializzato tecnico professionale e che già evidenzia qualche segnale di difficoltà, soprattutto in settori come la grande distribuzione e l'automotive nel metalmeccanico".