Rossi: "dobbiamo migliorare e iniziare a prepararci per il 2020"

Rossi:

Il francese della Yamaha ha confermato per l'ennesima volta di avere una propensione molto spiccata verso il concetto stesso di time attack. Un'ottima occasione per chi, come Valentino Rossi, non vede l'ora di mettersi alle spalle il campionato attuale. Gli è bastato montare una gomma morbida nel finale di sessione per fermare il cronometro in 1'55,802. "Ho riposato un po' durante la pausa estiva ma ho portato avanti anche il programma di allenamento, per arrivare a questo GP fisicamente e mentalmente a posto", ha dichiarato il pilota spagnolo.

La quinta piazza è dunque occupata da un'altra Yamaha, ovvero quella di Maverick Vinales, che dopo aver dato la sensazione di poter battere tutti è riuscito a fermare il cronometro nel pur ottimo 1'56,084 che lo tiene a poco meno di tre decimi da Quartararo ma che forse non corrisponde al potenziale espresso dal Top Gun della MotoGP nella prima sessione del mattino. Durante la sessione Rossi ha avuto un problema al motore della sua M1, che lo ha costretto a cambiare moto.

Valentino a colloquio con i suoi uomini all'interno del box. "Corro nel 2019 e nel 2020, lo sanno tutti, lo sa anche chi ha scritto il contrario, capisco sia una notizia che fa fare click, ma tutti sanno che ho il contratto già firmato per il 2019 e il 2020, correrò quindi fino al 2020, lo sanno tutti, ma d'estate ci sta fare click con queste notizie".

Buona la prestazione di Stefan Bradl (che sostituisce l'infortunato Jorge Lorenzo, ndr) 14esimo e davanti all'Aprilia di Aleix Espargarò. Andrea Iannone ha invece segnato il 18° tempo a circa 3 decimi dal riferimento del compagno di team.