Renault pronta a scaricare Nissan pur di avere FCA

Renault pronta a scaricare Nissan pur di avere FCA

Lo ha detto al Financial Times l'amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles, Mike Manley. Tuttavia, le difficoltà nella realizzazione di una trattativa sono numerose anche a causa della presenza di Nissan.

"Fca è pronta a riavviare il negoziato sulla fusione con Renault".

La fusione tra Fca e Renault è giudicato un piano eccezionale dal presidente Renault Dominique Senard, che a più riprese ha provato a convincere il ministro all'Economia Le Maire e il presidente Macron, della bontà del piano di fusione Fca-Renault.

L'obiettivo dell'operazione è quello di realizzare un "European Champion" con un volume di vendite superiore a quello registrato da General Motors. Con un nuovo assetto azionario dell'Alleanza, il management di Renault spera di placare le preoccupazioni di Nissan e di gettare così le basi adeguate per riaprire il discorso fusione con Fiat Chrysler Automobiles. Solamente dieci giorni dopo, le trattative si erano fermate per due ragioni. Il Governo di Parigi, va ricordato, detiene una partecipazione del 15% nella Casa della Losanga.

Il secondo aspetto è legato alla relazione con Nissan.

Nissan, secondo quanto il Wsj spiega di aver appreso dalle e-mail, vuole che Renault riduca la sua quota del 43,4% nella società giapponese che ha solo il 15% di azioni e senza voto in quella francese.

Mike Manley, CEO di FCA - Photo Credit: WhichCar.com " Dato che stanno passando queste vicende, ci sono delle circostanze che necessariamente dovranno cambiare o svilupparsi per continuare la discussione. "E crediamo sia una grandissima opportunità per Renault". In una intervista al quotidiano finanziario, Manley ha dichiarato che il gruppo è disponibile a riniziare i colloqui con Renault, segnalando così che il fallito tentativo di fusione da 33 miliardi di euro potrebbe ancora andare avanti.