Papa,ipocriti amici Chiesa per interesse - Ultima Ora

Papa,ipocriti amici Chiesa per interesse - Ultima Ora

All'udienza generale di mercoledì 21 agosto 2019, tenuta in aula Paolo VI, Papa Francesco, continuando le catechesi sugli Atti degli Apostoli, si è soffermato sul tema "La comunione integrale nella comunità dei credenti".

È un cammino che si nutre della grazia data dalla preghiera e dai sacramenti, ma come capire se veramente è in atto una vera conversione del cuore? Questa è una delle riflessioni offerte da Papa Francesco nel corso dell'odierna udienza generale. Il denaro è un bene condivisibile, ma lo è anche il tempo, come i volontari sanno bene.

Il Santo Padre ci ha tenuto a sottolineare l'importanza del volontariato, ricordando che è bellissimo condividere il proprio tempo con gli altri, aiutando i bisognosi. E così il volontariato, le opere di carità, le visite ai malati ... sempre condividere con gli altri, e non cercare soltanto il proprio interesse. Per questo i forti sostengono i deboli (cfr Rm15,1) e nessuno sperimenta l'indigenza che umilia e sfigura la dignità umana, perché loro vivono questa comunità: avere in comune il cuore. Ma non amore di parola, non amore finto: "amore delle opere, dell'aiutarsi l'un l'altro, l'amore concreto, la concretezza dell'amore". "L'ipocrisia è il peggior nemico della comunità cristiana". Questo "imbroglio" interrompe "la catena della condivisione gratuita, serena e disinteressata", con "conseguenze tragiche".

"Chi si comporta così transita nella Chiesa come un turista - ma ci sono tanti turisti nella Chiesa che sono sempre di passaggio, ma mai entrano nella Chiesa -: è il turismo spirituale che fa credere loro di essere cristiani, mentre sono soltanto turisti delle catacombe". Dunque, chi porta avanti un'esistenza basata sul trarre vantaggi per se stesso a discapito degli altri, non fa altro che causare una "morte interiore". E quante persone si dicono vicine alla Chiesa, amici dei preti, dei vescovi mentre soltanto cercano il loro interesse. Sempre la Chiesa ha avuto questo gesto dei cristiani che si spogliavano delle cose che avevano in più, delle cose che non erano necessarie per darle a coloro che avevano bisogno. Infatti, nel momento in cui la bambina è salita sul palco, ha rivelato di aver pregato proprio per lei affinché il Signore la custodisca, la guarisca e protegga la sua famiglia. "Ho pregato per la sua famiglia?". "Bisogna pregare per le persone sofferenti". Ma quel segnale che il tuo cuore si è convertito, è quando la conversione arriva alle tasche, quanto tocca il proprio interesse: lì è dove si vede se uno è generoso con gli altri, se uno aiuta i più deboli, i più poveri: Quando la conversione arriva lì, stai sicuro che è una vera conversione.

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed è la modalità propria cristiana, a tal punto che i pagani guardavano i cristiani e dicevano: "Guardate come si amano!".