Manifestazione a Mosca, Lyubov Sobol fermata prima dell'inizio della protesta

Manifestazione a Mosca, Lyubov Sobol fermata prima dell'inizio della protesta

Almeno 600 le persone fermate finora, secondo la ong OVD-Info, che monitora l'attività della polizia. Tra loro, Lyubov Sobol, fedelissima di Alexei Navalny e "madrina" delle manifestazioni di oggi, organizzate per chiedere elezioni locali libere ed eque. Situazione che resta tesa anche ad Hong Kong, dove agenti - in assetto antisommossa - hanno lanciato gas lacrimogeni contro i manifestanti che, in piazza, avevano devastato una stazione della polizia. Così è stata proprio Lyubov Sobol a chiamare a raccolta i sostenitori dell'opposizione moscovita chiedendo di sfilare pacificamente lungo l'anello dei boulevard della capitale russa, ovvero la storica circonvallazione interna. "Perché avete i caschi, avete paura di una ragazza al 20esimo giorno di sciopero della fame?", ha chiesto la 31enne ai poliziotti che l'hanno poi caricata a forza su una camionetta della polizia.

Quasi tutte le figure di spicco dell'opposizione, come Navalny o Ilya Yashin, sono state fermate sabato scorso e condannate all'arresto amministrativo. Circa 15mila persone si sono dette interessate sulla pagina Facebook dell'evento. Al momento non si hanno notizia di altri fermi.