Libia, Haftar accetta la proposta di tregua avanzata dall'Onu

Libia, Haftar accetta la proposta di tregua avanzata dall'Onu

Haftar, ad esempio, deve guardarsi le spalle anche in casa propria, come dimostra l'attentato (il secondo in un mese e l'ultimo di una lunga serie) che ha colpito Bengasi. Kassem ha poi aggiunto che i migranti soccorsi intorno alle 20.00 sono stati trasportati alla base navale di Tripoli e consegnati al centro di accoglienza di Janzur, gestito dall'Autorità per la lotta all'immigrazione clandestina di Tripoli, dopo aver fornito loro aiuti umanitari e medici.

Un'autobomba è esplosa in un'affollata area commerciale a Bengasi, provocando la morte di tre addetti alla sicurezza dell'Onu che stavano attraversando la zona su un convoglio. "Almeno altre otto persone sono rimaste ferite, tra cui un bambino", ha affermato un funzionario del governo locale.

Nelle stesse ore dell'attentato Haftar ha dichiarato che le ostilità saranno ferme 48 ore per rispettare la festività musulmana dell'Eid al Adha, iniziata sabato.

Va sottolineato che c'è una dimensione simbolica (quanto rischiosa) rilevante dietro a queste azioni: l'aeroporto Mitiga è lo scalo internazionale di riferimento in Libia, ed è quello utilizzato dai pellegrini che per la festa dell'Adha si spostano verso i luoghi sacri islamici. La tensione in Libia continua ad essere molto alta con i civili che continuano a perdere la vita e le proprie case.