Incidente sul Grand Combin, un alpinista e una guida morti

Erano partiti da Cabane di Valsorey per scalare il massiccio del Grand Combin. Non è escluso il coinvolgimento di altri alpinisti. Una scarica di sassi ha travolto una cordata che era diretta sulla vetta a circa 3.500 metri di quota. Ha perso la vita una guida alpina, Federico Daricou, che inizialmente era stato soccorso e trasportato in ospedale in condizioni disperate.

Alla ricerca della cordata hanno partecipato un elicottero elvetico, che aveva tentato un primo sorvolo, poi anche l'intervento del Soccorso Alpino Valdostano, che però per il maltempo e la scarsa visibilità, non aveva potuto portare a termine il soccorso. Le operazioni di soccorso di Air Glacier, sono state ostacolate dal meteo avverso.

Un alpinista italiano, Nicolò Morano, di Vercelli, è morto sul colpo, si legge su La Repubblica Torino. Il luogo esatto nel quale si è verificato l'incidente, però, è a 3500 metri di altezza, a Colle Meitin.

Un altro incidente ha coinvolto un alpinista tedesco nel cuneese: l'uomo è precipitato dal Monviso riportando un grave politrauma. Sul posto è intervenuto il soccorso alpino di Alagna e l'elisoccorso di Borgosesia che ha recuperato la salma caduta nella zona del Ghiacciaio dei Francesi, lato Macugnaga. Il terzo invece risulta illeso.