Governo spagnolo contro Open Arms

Governo spagnolo contro Open Arms

Dopo l'offerta, rifiutata dalla Ong, del premier iberico Pedro Sanchez, di recarsi al porto di Algeciras, in Andalusia, il primo ministro spagnolo ha inviato una nuova proposta, offrendo il porto più vicino di Minorca, nelle Baleari. Per quanto riguarda i 13 migranti fatti evacuare dalla nave per motivi sanitari - di cui solo uno si è poi rivelato affetto da una qualche patologia (otite) - ha spiegato: "La Guardia costiera ci aveva chiesto di andare a bordo per eseguire le visite, ma non abbiamo potuto farlo, noi abbiamo il compito di visitare migranti che vengono accompagnati al molo o direttamente al Poliambulatorio". Gli uomini della Open Arms hanno risposto negativamente al governo di Madrid, affermando di non poter affrontare ulteriori giorni di navigazione. Parlando all'agenzia Adnkronos si è detto "felice che non ci sia emergenza igienico-sanitaria a bordo della nave Open Arms, come emergerebbe dalla relazione dell'ispezione sanitaria, in fondo - aggiunge- non avevamo tutti i torti, anche se siamo stati attaccati da più parti". Ora le persone che si sono gettate in acqua sono di nuovo al sicuro sulla nave.

La vicenda giudiziaria - quella legata all'applicazione del decreto sicurezza bis che per due settimane ha impedito a Open Arms di avvicinarsi al porto di Lampedusa - nelle prossime ore potrebbe portare ad alcune novità.

Il piano del governo spagnolo, riportato nel comunicato, prevede che, una volta sbarcati i migranti ad Algeciras, si proceda con la distribuzione già concordata tra sei paesi europei: oltre alla Spagna, Francia, Germania, Portogallo, Lussemburgo e Romania.

"Matteo Salvini, spesso definito dai principali giornali spagnoli come un ministro dell'ultradestra xenofoba e sessista, non ha tardato a esprimere il suo entusiasmo, via social network: "... Con diversi tweet, post e video su Facebook, il vicepremier Matteo Salvini ha commentato più volte la decisione della ong di rifiutare l'offerta della Spagna.

Anche il sindaco di Algeciras, Josè Ignacio Landaluce, critica la decisione di Sanchez, di offrire il porto della città per accogliere la nave Open Arms, ancorata da giorni di fronte a Lampedusa (Italia) con 107 migranti a bordo.

"E' urgente porre fine subito a questa situazione disumana inaccettabile che le persone che abbiamo salvato in mare sono costrette a vivere", conclude la ong.

"Ho indicato che il porto di Algeciras sia abilitato per ricevere OpenArms".