Giornata internazionale del cane: i video più belli

Giornata internazionale del cane: i video più belli

E' il 26 agosto, la Giornata Internazionale del Cane. Questa festa è nata nel 2004 da Colleen Paige, esperto di animali domestici e avvocato di animali, fondatore del National Puppy Day.

La data non è stata scelta a caso: il 26 agosto, infatti, la famiglia di Colleen adottò il suo primo quattrozampe. Ed oggi è un'occasione (o una scusa in più) per tutti gli amanti dei cani di festeggiare i propri amici. "I cani sono esseri incredibili, coraggiosi, sensibili e senzienti che meritano compassione e rispetto".

Secondo i più recenti studi, la presenza di un cane all'interno di un nucleo familiare è un autentico "toccasana", osservazione ancora più vera con riferimento a bimbi e anziani.

La scienza lo ha appurato: la compagnia di un animale domestico ha effetti benefici fisici e psicologici su chi se ne prende cura.

Secondo Marco Maggi, Coordinatore dei Servizi Sanitari di Ca' Zampa (il primo Gruppo in Italia che offre servizi per il benessere degli animali domestici), sono 5 i benefici legati alla presenza di "fido" fra le mura di casa: i cani educano i bambini alla responsabilità, migliorano la qualità della vita degli anziani, aiutano a fare esercizio fisico, fanno compagnia, aiutano nella riabilitazione e nel recupero sociale.

I cani aiutano i bambini e gli adolescenti a crescere in modo equilibrato e responsabile, migliorandone la capacità di socializzazione e favorendo il senso di appartenenza familiare.

I cani favoriscono anche l'attività fisica dei padroni. Praticare sport con il proprio animale domestico può essere di grande stimolo. Sono tra i principali protagonisti della Pet Therapy, terapia dell'animale da affezione, spesso utilizzata come supporto a disabili, ciechi, chi soffre di autismo. Uno studio dell'associazione American Humane sui benefici della presenza di un cane all'interno di famiglie con giovani pazienti ricoverati a causa di cancro ha dimostrato che la presenza di un animale può dare supporto ed influenzare positivamente le famiglie ed i giovani pazienti che affrontano questi determinati percorsi di cura.