Georgieva candidata Ue al Fmi, in "congedo" alla Banca mondiale

Georgieva candidata Ue al Fmi, in

Per il suo essere scelto il FMI avrebbe dovuto cambiare il suo statuto, i quali richiedono che la persona selezionata come amministratore delegato ha meno di 65 anni di età al momento della prima nomina. "Ha detto che si è congratulato con Georgieva sulla nomina", che riflette la sua forte leadership globale dell'economia, della finanza e dello sviluppo". La Georgieva, già vicepresidente della Commissione europea con Juncker e commissario per la Cooperazione internazionale con Barroso, è vicina dal raggiungere una carica internazionale di prestigio dopo una serie di tentativi falliti. Georgieva deve inoltre ottenere l'appoggio degli altri Paesi membri dell'Fmi: da quando è nato nel 1944, l'organismo è sempre stato guidato da un europeo (mentre la Banca mondiale va a uno statunitense), ma la spaccatura nell'Ue potrebbe indurre qualcuno ad approfittarne. Era già stata candidata come Alto rappresentante per la politica estera europea nel 2014, come segretario generale dell'Onu nel 2016 e come presidente della Commissione prima che venisse scelta Ursula Von der Leyen.

L'economista bulgara è una donna di mondo e si è formata nelle migliori università straniere (tra cui London school of economics, Yale, Massachusetts institute of technology), però rivendica le sue origini. I miei genitori hanno terminato il liceo. I ministri dell'economia europei l'hanno scelta preferendola all'olandese Jeroen Dijseelbloem. Ma i due nomi rimasti in lizza dopo settimane di diplomazia, 24 ore di intensi contatti tra le capitali e un round ufficiale di votazione, descrivono bene la frattura che c'è nella Ue: l'ex presidente dell'Eurogruppo, Dijsselbloem, non è riuscito a trovare una maggioranza solida perché tutti i Paesi del Sud e dell'Est hanno preferito la sua avversaria Georgieva, che non appariva "compromessa" con le politiche di austerità arrivate dalla Troika in poi. Dopo il passo indietro del presidente dell'Eurogruppo, il portoghese Mario Centeno, anche il governo spagnolo aveva infatti annunciato il ritiro della sua candidata alla guida del Fondo monetario internazionale. In realtà, nessuno dei due candidati ha raggiunto la soglia prevista.