Fitch conferma il rating dell'Italia BBB, l'outlook resta negativo

Fitch conferma il rating dell'Italia BBB, l'outlook resta negativo

Il rating dell'Italia secondo Fitch resta BBB.

Secondo l'agenzia americana, ci sono "rischi negativi per le prospettive di bilancio qualora un futuro governo decidesse di disimpegnarsi dalle regole di bilancio dell'Ue ed essere più disponibile a rischiare una maggiore instabilità dei mercati finanziari". Negativo anche l'outlook che paga "l'alto livello del debito pubblico, crescita debole e l'incertezza legata alla dinamica politica".

Se in Italia "dovessero esserci elezioni anticipate ci sono potenziali vantaggi moderati per la sostenibilità del debito nel medio termine nel caso in cui il nuovo governo sia più stabile e abbia un orizzonte più lungo" sul fronte del bilancio e porti avanti "politiche a sostegno della crescita".

"La nostra previsione del disavanzo per il 2020 è di un probabile lieve peggioramento del deficit strutturale, rispetto all'attuale obiettivo del patto di stabilità e crescita per un miglioramento dello 0,6% del Pil, con conseguenti nuove tensioni con la Commissione europea". In aumento inoltre il debito pubblico che passerà, in base alle stime, dal 132,2% del 2018 al 134,7% nel 2021. Il mancato aumento dell'Iva e la flat tax dovrebbe essere "compensato solo in parte dai risparmi derivanti dalla 'strategia integrata' del governo di una revisione della spesa e di una revisione delle agevolazioni fiscali, che sarà politicamente difficile".