Briatore fonda il Movimento del Fare: "Indipendente da partiti, salveremo l'Italia"

Briatore fonda il Movimento del Fare:

Non più faccende di regolamenti F1 ma di leggi dello Stato italiano, con un nuovo "Movimento" ma che non ha le stelle bensì "il fare" nel proprio nome.

Flavio Briatore scende in campo (politico).

" Eliminerei immediatamente il reddito di cittadinanza e darei agli imprenditori la possibilità di assumere giovani alle medesime condizioni".

Flavio Briatore, imprenditore italiano noto in tutto il mondo, ha deciso di entrare in politica. Se diamo fiducia ai capitali esteri, abbassiamo le tasse e tagliamo un sacco di norme inutili, il turismo diventa vera eccellenza italiana.

L'imprenditore ha concluso dicendo: "Io mi metto in gioco in prima persona e so di poter contare su tanti professionisti e imprenditori che condividono le mie idee e vogliono far parte del Movimento del Fare".

C'è già una specie di piattaforma politica, affidata a una serie di punti programmatici: "drastica riduzione del cuneo fiscale, cantieri aperti, riforma della giustizia, abolizione del reddito di cittadinanza, lavoro ai giovani e Turismo come eccellenza del Paese, sono le assolute priorità", più "tanto altro" di cui ancora non siamo a conoscenza. E lo faremo completamente GRATIS' Flavio Briatore #MovimentodelFare. "Insieme, uniti, senza alcun interesse personale e tutti con un unico obiettivo: Salvare l'Italia, ci metteremo a disposizione e al lavoro per amore del nostro Paese. Se ne sottraggo un po' a mio figlio e alla mia famiglia, non voglio sprecare le giornate in commissioni inutili a sentire idioti che non hanno mai viaggiato in vita loro" rivela alle pagine del Foglio.

"Nasce il Movimento del Fare", così Briatore ha aperto il post. Adesso fa bene a starsene un po' fuori, ha solo quarant'anni e una vita davanti...

L'imprenditore però rivolge al vicepremier un consiglio: "Matteo farebbe bene ad andare per la sua strada: la gente gli manifesta affetto nelle piazze perché si aspetta da lui gesti concreti per dare una scossa al paese con una squadra di gente preparata e capace".

Di imprenditori che, dopo aver creato un impero, decidono di mettersi in gioco in politica ce ne sono stati - e probabilmente ce ne saranno - tanti. Gli italiani hanno sentito fin troppe chiacchiere.