Apple, trimestrale 2019 sopra le attese grazie ai servizi

Apple, trimestrale 2019 sopra le attese grazie ai servizi

"Abbiamo il portafoglio hardware più forte di sempre e abbiamo nuovi prodotti in arrivo", ha detto Cook, che sta trasformando la casa di Cupertino in un'azienda meno dipendente dall'iPhone - che resta il prodotto di punta - e sempre più attiva sui servizi digitali.

In occasione del lancio della lineup 2018 di iPhone sono ci sono state notizie multiple che indicavano come i nuovi dispositivi sarebbero stati compatibili con la Apple Pencil.

Se si guardano i conti Apple del terzo trimestre 2019, verrebbe da formulare ipotesi definitive: l'era dello smartphone sta finendo. Apple si prepara a lanciare un servizio di streaming di video più di un decennio dopo Netflix ha lanciato il concetto.

Nel Paese asiatico Apple ha, ad esempio, dovuto tagliare il prezzo degli iPhone perché diventato troppo costosi per molti consumatori. La situazione potrebbe non migliorare nei prossimi trimestri, secondo le stime degli analisti che prevedono vendite deludenti per gli iPhone 2019. Anche per i possessori di un iPad Pro, che posseggono già una Apple Pencil, potrebbero usarla dinamicamente in tutti i due dispositivi contemporaneamente. Segna il terzo trimestre consecutivo di erodere le vendite di iPhone, qualcosa che è accaduto solo una volta prima. Ma il mid-range di proiezione di $62,5 miliardi di entrate per il periodo di $60.9 miliardi attesi dagli analisti, fornendo un altro segno di speranza per gli investitori a scommettere su Apple resilienza. Gli ultimi spot evidenziano 16 artisti in giro per il mondo dimostrando la possibilità di usare la fotocamera di iPhone XS per catturare azioni in concerti e altre performance dal vivo, evidenziano anche scene dietro le quinte.

Il piccolo punto in percentuale dei ricavi totali del Colosso di Cupertino, potrebbe essere in parte dovuto all'aumento delle vendite in Cina, uno dei mercati più difficoltosi per Apple e l'aumento degli introiti provenienti dai servizi come App Store, Apple Pay, Apple Music e iCloud che, assieme, hanno ottenuto ricavi per 11,46 miliardi di dollari, in crescita rispetto ai 10,17 dello scorso anno.