Addio a Mariam, la baby dugongo che abbracciava i suoi soccorritori

Addio a Mariam, la baby dugongo che abbracciava i suoi soccorritori

Era diventata una vera star. Famosissimo lo scatto che la ritrae in maniera davvero dolce mentre era intenta ad abbracciare i suoi soccorritori.

L'esemplare dall'aspetto paffuto il cui nome nella lingua locale significa "signora del mare" era uno dei 250 dugongo, specie in via d'estinzione, che vivono in una riserva nel Parco Marino della Provincia di Trang, nel sud del paese asiatico: "Mariam è morta poco dopo mezzanotte a causa delle lesioni interne e i nostri sforzi per salvarla sono falliti" ha detto Chaiyapruk Werawong, capo del Parco Marino della Provincia di Trang. Era stata trovata a maggio con molte ferite sul corpo, tagli e abrasioni sulla schiena.

La piccola Mariam morta per un'infezione aggravata procuratasi ingerendo dei rifiuti di plastica. I mesi in cui è stata curata in un Parco Marino della provincia di Trang, sono stati documentati con foto e video in diretta che hanno permesso di far conoscere il cucciolo di dugongo a tutto il mondo.

La plastica può causare ostruzione nell'apparato digerente degli animali, provocando infiammazioni e accumuli di gas, ha spiegato la veterinaria Nantarika Chansue. Abbiamo trovato residui di plastica nell'intestino. "L'autopsia ha dimostrato che la plastica è la causa dell'ostruzione dello stomaco.Con la sua scomparsa, è come se ci volesse implorare di prenderci più cura dei suoi simili e di salvare la sua specie ".

L'esemplare di dugongo era stata ritrovata sulla spiaggia di Krabi, in Thailandia.

Dopo l'annuncio della sua morte, sono infatti migliaia le persone intervenute sui social per esprimere la loro tristezza.