Ucraina vota, il partito di Zelensky verso la vittoria

Ucraina vota, il partito di Zelensky verso la vittoria

Come previsto da numerosi sondaggi pre-voto, "Servo del Popolo" - partito del neo-Presidente Volodymyr Zelensky - ha vinto facilmente con il 42.5% dei voti, ottenendo oltre 120 seggi parlamentari.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ottenuto ciò che voleva.

Una vittoria, ha detto il presidente, che "mostra la grande fiducia che il popolo dell'Ucraina ripone nel nostro partito". E' quanto emerge dai dati della Commissione elettorale centrale ucraina.

Il suo obiettivo era quello di sfruttare il momento favorevole per rinnovare il parlamento con l'elezione dei membri del suo partito e creare una nuova maggioranza che sostenesse alcune delle promesse fatte in campagna elettorale.

Al secondo posto, il partito "Piattaforma di opposizione-Per la Vita" vicino alla politica filo-russa con il 12,8%; "Solidarietà europea" dell'ex Presidente Petro Poroshenko è all'8,7%; "Patria" di Yulia Tymoshenko all'8%, mentre il partito "Voce", fondato pochi mesi fa dalla star del rock ucraino Sviatoslav Vakartchouk, ha per ora conquistato il 6,4% delle preferenze. Sono questi i cinque partiti che in base agli exit poll hanno superato la soglia di sbarramento del cinque per cento e possono entrare nella Verkhovna Rada. "Le maggiori priorità per noi e per ogni ucraino - ha commentato il Presidente Zelensky - sono fermare la guerra, la liberazione dei prigionieri e la lotta alla corruzione che rimane nel Paese". Alle urne è andato solo il 49.9% degli aventi diritti al voto.

Già il risultato provvisorio dava a Zelensky un mandato significativo e metteva il suo partito nelle condizioni di avere la maggioranza assoluta nella Rada, il parlamento ucraino. Zelensky punta molto sulle riforme anti corruzione e ha promesso di privare i politici dell'immunità penale, ma la sua agenda prevede anche il rilancio dell'economia attraverso una serie di prestiti da parte del Fondo monetario Internazionale.