Terrorismo, arrestato in Norvegia il mullah Krekar: era stato condannato in Italia

Terrorismo, arrestato in Norvegia il mullah Krekar: era stato condannato in Italia

Najmuddin Faraj Ahmad, 61 anni, originario del Kurdistan iracheno noto come il mullah Krekar, e' stato arrestato ieri sera alle ore 22 nella sua residenza di Oslo dall'agenzia di intelligence PST con l'assistenza del distretto di polizia della capitale norvegese.

La polizia norvegese ha arrestato il Mullah Krekar su richiesta delle autorità italiane dopo la sentenza emessa ieri dal tribunale di Bolzano, che lo ha condannato a 12 anni di carcere.

L'accusa aveva chiesto 10 anni per Krekar. La vicenda ha avuto inizio nel 2015, anno in cui è stata smantellata la cellula jihadista Rawthi Shax di cui Krerar era la guida spirituale, grazie alle indagini condotte dai Ros di Trento. Nel processo di Bolzano sono stati condannati a 9 anni di reclusione anche Rahim Karim Twana e Hamasalih Wahab Awat e, e a 7 anni e 6 mesi, Hamad Bak, Jalal Fatah Kamil e Abdul Rahman Rahim Zana. La cellula era volta alla realizzazione di atti di intimidazione nei confronti di governi occidentali, attraverso la costituzione di cellule dormienti disseminate in Europa, informa il Ros. Per due dei condannati non è possibile richiede l'estradizioni perché sono cittadini norvegesi. Reclutava e inviava foreign fighter nelle zone di guerra a cavallo tra Iraq e Siria. "Restano nei carceri di massima sicurezza di Rossano Calabro e Nuoro con condanne definitive altri quattro degli appartenenti alla cellula meranese dell'organizzazione Rawti Sha", che avevano collegamenti operativi ed organizzativi transnazionali con le cellule in Iraq e Norvegia, Germania, Inghilterra, Svizzera, Grecia e Finlandia.