Ryanair 'ribattezza' i Boeing 737 Max

Ryanair 'ribattezza' i Boeing 737 Max

La compagnia aerea ha dichiarato che la mancanza di consegne "ci costringerà a ridurre la nostra attività su alcune basi e chiudere per l'estate del 2020, ma anche per l'inverno del 2019".

La Ryanair ha deciso di cambiare nome al Boeing 737 Max, il modello del colosso aerospaziale Usa coinvolto recentemente in due diversi incidenti aerei avvenuti in Indonesia ed Etiopia.

Le informazioni iniziali dagli arresti anomali suggerivano che fossero collegati allo stesso problema del software automatico e, di conseguenza, le compagnie aeree di tutto il mondo raddoppiarono l'aereo. E fra queste c'è la stessa Ryanair, che prevede adesso di chiudere le proprie basi in alcuni aeroporti con un conseguente minore tasso di crescita (dal 7% al 3%) atteso per l'estate 2020.

Ryanair e Boeing non hanno commentato né confermato la sostituzione della scritta 737-8200 con Max, come si evince dalle foto scattate a Renton a Washington, negli Stati Uniti, e pubblicate sui social media da Woodys Aeroimages.

Il Boeing 737 Max era l'aereo a bordo del quale viaggiavano le 189 persone (tra cui un italiano) morte in Indonesia nell'ottobre 2018, quando il volo della Lion Air precipitò in mare poco dopo il decollo da Giacarta, in Indonesia.

I ritardi arrivano dopo che gli aerei 737 MAX della Boeing sono stati radicati dopo l'incidente dell'Etiopia Airlines che ha ucciso 157 persone a marzo.

Si aspettano anche una variante del 737, che chiamano un velivolo MAX200, a gennaio e febbraio 2020, ma possono ricevere solo da 6 a 8 nuovi velivoli ogni mese.

"Boeing sta lavorando a stretto contatto con la FAA sul processo che hanno elaborato per certificare l'aggiornamento del software 737 MAX e restituire il MAX al servizio". Un cambio rispetto all'indicazione che appare nei primi quattro esemplari di Ryanair già assemblati e che dovevano essere consegnati lo scorso aprile. In totale, il gruppo di compagnie aeree low cost ha ordinato 135 Boeing 737 MAX 200.