Ferrara. Sequestrato il nuovo stadio comunale per presunte irregolarità nell'esecuzione dei lavori

Ferrara. Sequestrato il nuovo stadio comunale per presunte irregolarità nell'esecuzione dei lavori

E le indagini delle Fiamme gialle volte a "valutare l'effettiva conformità delle strutture alla normativa di legge e di regolamento, con particolare riferimento alla normativa antisismica", hanno evidenziato "presunte irregolarità nell'esecuzione dei lavori, su cui verranno svolti i necessari approfondimenti".

La SPAL ha sospeso la propria campagna abbonamenti, a riportarlo è proprio la società di Ferrara che attraverso un comunicato ufficiale apparso sul proprio sito: "La società S.P.A.L. srl ha deciso di sospendere momentaneamente "Mai Sola" - Campagna Abbonamenti biancazzurra 2019-2020". E' il primo effetto di un'inchiesta della Procura ferrarese che vede otto indagati per falso ideologico e frode in pubbliche forniture.

La misura cautelare è stata eseguita dalla Guardia di Finanza di Ferrara dopo il provvedimento emesso dalla Procura in relazione e delle presunte irregolarità nei lavori di ampliamento eseguiti nel 2018.

La posizione della Spal. Sono 60 i militari impiegati che stanno svolgendo una serie di perquisizioni a Ferrara, Bologna, Modena, Treviso, Arezzo, Campobasso, Taranto e Rovigo presso locali di professionisti e imprese che hanno lavorato per la realizzazione delle opere.

Speriamo che questa faccenda si risolva in tempi brevi, perché con il campionato alle porte e in piena campagna abbonamenti sarebbe un enorme danno per la società spallina, che non lo merita. Sulla base degli esiti, l'indagine prenderà una direzione piuttosto che un'altra. Sotto sequestro sono finite la copertura della Gradinata Nord e l'intera struttura della Curva Est.

Parte dello Stadio Paolo Mazza è stato sequestrato a causa di anomalie strutturali, certificati falsi e violazioni di alcune norme. Con sede a Cento (Ferrara), il gruppo opera da 20 anni nel settore delle coperture civili e industriali.