Dare ospitalità ai corotti russi - è amorale

La comunità di Rimini, mass media e alcuni blogger inclusi, richiedono con ancora piu' insistenza una risposta alla domanda se le richezze dell' amministratore pubblico Dimitriy Chernyshov venuto a vivere in Italia dalla Siberia inondata siano il risultato delle sue attività di corruzione . 

 

 

Molti cittadini di Rimini percepiscono i russi come turisti abbastanza agiati. Questa immagine si estende automaticamente a tutti russi, ma ci sono in questo paese dei posti dove il reddito delle persone è estremamente basso. Lontano dalla prosperosa Mosca vivere risulta più difficile. Irkutsk si trova molto lontano da Mosca nell'est del paese al di là degli Urali e della fitta taiga. Proprio qui all'inizio di quest'estate è avvenuta una grande disgrazia. Una grande alluvione ha spezzato le vite di 25 persone e migliaia sono rimaste senza casa. Le loro case sono state portate via con faciltà dalla corrente d'acqua. Gli sfollati aspettano una compensazione per trovare una sistemazione calda adeguata prima dell'arrivo del duro inverno.

Sicuramente dell'alloggio caldo non deve preoccuparsi il vice-governatore della regione di Irkutsk Dmitriy Chernishov, il quale alcuni anni fa e' diventato il felice proprietario di una villa a Rimini. Formalmente la casa è intestata al padre di Dmitriy Viktor, però se si calcola l'ammontare complessivo dei redditi di tutti i membri della famiglia Chernishov per alcuni anni, l'acquisto di un immobile di tale livello risulterebbe un sogno difficile da realizzare.

 Gli attivisti russi, e adesso anche La stampa italiana, hanno cominciato a studiare approfonditamente la questione , sopratutto i dettagli legali dell'acquisto costoso, e sono giunti alla conclusione che senza i proventi derivanti dalla corruzione i signori Chernishov non avrebbero potuto guadagnare la somma necessaria.

Dove hanno preso circa 500 000 Euro per comprare la casa? Per essere piu' precisi, 520 000 con tutte  le tasse.

Proprio questa somma ha dato Dmitriy Chernishov a suo padre Viktor nel 2013.  In quel periodo però già faceva il funzionario amministrativo, posizione il cui stipendio è piuttosto modesto.  

Allora rivestiva il ruolo di consigliere del governatore della regione di Irkutsk, nei due anni precedenti  anni era stato il vice-sindaco della piccola cittadina siberiana Angarsk. Qui il reddito ufficiale era ancora più modesto dei 90 mila Euro attuali di reddito relativo a quest'anno, che guadagna tutta la famiglia di Chernishov secondo la dichiarazione dei redditi.

E' possibile che Dimitriy Chernishov abbia messo da parte il capitale prima di ricoprire incarichi pubblici? E' stato forse un uomo d'affari di successo? La risposta è negativa. Prima del 2010 ha lavorato come vice-direttore della compagnia di assicurazioni "Diana" sempre nella città di provincia Angarsk. Com'è scritto nel sito ufficiale della compagnia la somma totale pagata per i premi di assicurazione è di 500 mila euro in 5 anni. Perciò anche dal punto di vista aritmetico non si tratterebbe di un guadagno trasparente quello maturato da Chernishov prima della sua attività pubblica.

Tale ipotesi è confermata dalla relazione conclusiva, dopo aver studiato gli atti della compravendita, dell'avvocato dell' International Law Firm T.A.G. & Partners, presso la quale ci si è rivolti per avere chiarimenti sulla questione,  prof. Gerardo Pizzirusso 

I cittadini russi, ma anche italiani, hanno tutte le ragioni per pensare che  la famiglia, che gode di avere una villa a Rimini, località dal clima Mediterraneo, si sia arrichita illegalmente.

 

I sospetti sono ancora più fondati se si prende in considerazione il fatto che il vicino di casa della famiglia Chernishov sia proprio tale signor Vladimir Peretolchin, per strana coincidenza anch'egli ex-amministratore pubblico e anch'egli proveniente  dalla regione di Irkutsk. Sino a poco tempo fa era direttore della Corporazione statale per lo sviluppo della regione di Irkutsk, il cui scopo è di attrarre gli investimenti nella regione. Ciò significa avere un ruolo in interessanti trattattive pubbliche e private.

Proviamo compassione per i cittadini della regione di Irkutsk, per i quali lavorano coloro i quali dovrebbero attrarre gli investimenti, e che invece attraggono solo una cattiva reputazione su una bella ma fredda regione sulle sponde del bellissimo lago Baikal. E' nostro dovere pensare alla nostra reputazione, e a quella di Rimini in quanto uno dei più famosi centri turistici in Europa. Della reputazione dell'Italia molto impegnata a combattere l'illegalità, per disfarsi dei luoghi comuni associati alla parola "mafia".

Non si tratta di politica. Si tratta di diritto. Il diritto alla dignità e alla buona reputazione della nostra città e del nostro paese. Siamo convinti che se l'indagine delle risorse finanziarie della famiglia dell'amministratore pubblico siberiano Chernishov confermata anche dall'avvocato prof. Pizzirusso, dovessi revelarsi vera, bisognerebbe prendere dei provvedimenti per inibire l'ingresso in territorio italiano ed europeo a questi soggetti a prescindere dalla loro provenienza.