Congo: Ebola si diffonde vicino al Rwanda, a Goma infettato un pastore

Congo: Ebola si diffonde vicino al Rwanda, a Goma infettato un pastore

Ad un anno di distanza dalla scorsa epidemia, torna l'allarme ebola, questa volta in Congo. Nell'agosto dell'anno scorso è scoppiata una violenta epidemia di ebola nella zona orientale del paese e ha già fatto registrare 1655 morti.

"Questo caso di Goma ci fa vedere che la situazione non è sotto controllo ed è fonte di preoccupazione - afferma ai microfoni di Radio Vaticana Italia Ruggiero Giuliani, vicepresidente di Medici senza frontiere, organizzazione che a Goma supporta il Centro di trattamento per Ebola -.Noi sappiamo che la mobilità nella regione è molto elevata, le persone si muovono e questo porta a un rischio di diffusione dell'epidemia".

L'epidemia è la peggiore mai registrata nel paese e la seconda peggiore nella storia della malattia, la prima in un'area di conflitto. La persona che ha contratto la malattia è un pastore giunto a Goma in autobus da Butembo, lì dove è esploso uno dei principali focolai di Ebola, a circa 8 ore di macchina. Il virus che tra il 2013 e il 2016 ha ucciso oltre 11.300 persone nell'Africa occidentale si starebbe diffondendo nella Repubblica Democratica del Congo. Il ministero della Sanità invita la popolazione a mantenere la calma e stima che il rischio di propagazione del virus nella città di Goma sia debole, anche grazie alla rapidità con cui sono stati identificati sia il paziente che gli altri passeggeri del bus.

Il paziente era entrato in contatto con i malati nella città di Butembo. Poiché non è trasmissibile per via aerea.