Codice della Strada, approvato emendamento su casco obbligatorio per ciclisti under 12

Codice della Strada, approvato emendamento su casco obbligatorio per ciclisti under 12

Molto corposo il capitolo delle novità relative a settori della circolazione non principali, ma comunque influenti e che il Codice della Strada ha il compito di normare: eccoli in veloce sintesi. In commissione Trasporti alla Camera è stato approvato l'emendamento che prevede la nuova regola sul codice della strada.

"Tra i comportamenti errati più frequenti vi sono la distrazione alla guida, il mancato rispetto della precedenza e la velocità troppo elevata (nel complesso il 40,8% dei casi)".

Passeggero senza cintura? Paga chi guida. Nel 2018 l'Italia ha avuto 11 giovani ciclisti morti sulle strade. Nuove norme consentiranno alle carrozzine elettriche per disabili di transitare sulle piste ciclabili, per quelle che riguardano i veicoli storici, i trattori, i mezzi per lo spettacolo viaggiante, e per gli interventi "per risolvere i cronici ritardi delle Motorizzazioni". Analogamente, aumentano le sanzioni nel caso di fermata vicino agli scivoli o si ignorino i segnali di stop ai passaggi a livello. Viola il Codice della Strada pure chiunque utilizzi apparecchi elettriconi per messaggiare o navigare su internet.

"Oggi è stato fatto un ulteriore passo in avanti in tema di mobilità sostenibile e miglioramento degli spostamenti dei cittadini - spiega il sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti, Michele Dell'Orco - sono soddisfatto del lavoro fatto con i parlamentari e auspico che il Parlamento possa licenziare in autunno questa importantissima legge". Abbiamo poi previsto sanzioni molto pesanti, che arrivano alla sospensione della patente fino a 3 mesi, per chi usa lo smartphone o altri dispositivi elettronici alla guida per funzionalità diverse dalle chiamate in vivavoce o con auricolari. Ripristinato l'obbligo di notifica per poter pagare immediatamente la sanzione senza spese aggiuntive. Infine un'altra importante novità è l'eliminazione dell'obbligo di esibire patente e libretto e altro tipo di documentazione, verificabili telematicamente.

Per concludere, bocciate altre proposte inizialmente annunciate nel disegno di riforma.

Tra le norme cassate va sottolineata la bocciatura del limite di velocità a 150 chilometri orari sulle autostrade a tre corsie, proposto dalla Lega. Ma un ordine del giorno in Aula forse ne avvierà la sperimentazione. Scopriamo quali sono le novità previste.

La battaglia, per così dire, si sposta ora tra i banchi della Camera dei deputati. E tante saranno anche le sanzioni che diventeranno più aspre, con eventuale ritiro della patente, sia per quanto riguarda la guida con lo smartphone e sia per le soste selvagge.