Cinque miliardi di multa a Facebook, ha violato la privacy

Una stangata da 5 miliardi di dollari si abbatte su Facebook per aver violato le norme sulla privacy nel caso Cambridge Analytica. Citando loro fonti rimaste anonime, il New York Times, il Washington Post e il Wall Street Journal hanno scritto che la Federal Trade Commission (FTC), l'agenzia governativa che si occupa della tutela dei consumatori e della concorrenza negli Stati Uniti, ha approvato la multa venerdì con un voto dei suoi cinque membri, finito 3-2. L'indagine dell'Ftc era iniziata oltre un anno fa, dopo le rivelazioni secondo cui i dati di milioni di utenti del social erano stati ceduti alla società Cambridge Analytica. Nel 2012 toccò a Google che per violazione della privacy aveva dovuto pagare 22,5 milioni di euro. In vista della possibile sanzione, Facebook aveva accantonato 3 miliardi di dollari nel primo trimestre, come oneri una tantum.

Ora la decisione della Ftc viene trasmessa al Dipartimento della Giustizia che, in genere, accetta la pronuncia senza metterla in discussione.