Carola Rackete: 'Emigro in Australia'. Salvini: 'Ti pago il biglietto'

Carola Rackete: 'Emigro in Australia'. Salvini: 'Ti pago il biglietto'

"Il mondo al contrario".

"Abbiamo esposto questo striscione per ricordare a tutti che i nostri problemi (disoccupazione, salari da fame, criminalità organizzata, devastazione ambientale) non sono dovuti certo all'arrivo dei migranti ma a causa di una classe politica mediocre, corrotta e collusa con chi fa affari sulla nostra pelle - scrivono su Facebook - volevamo ricordare che il primo partito in italia, la Lega, ha sottratto allo stato 49 milioni di euro". A partire dalla definizione di nave da guerra. L'art. 18, inoltre, autorizza per le navi straniere il passaggio o l'ancoraggio in acque territoriali se necessario a prestare soccorso alle persone in pericolo.Per la Gip, dunque, Carola Rackete ha agito nell'adempimento del suo dovere, nonostante la normativa nazionale, in particolare il decreto sicurezza bis vietasse, pena una semplice sanzione pecuniaria, l'ingresso in Italia alla nave.Punto due, porti sicuri.Per la Convenzione di Amburgo del 1979, "l'obbligo del soccorso non si esaurisce con la presa a bordo ma con la conduzione dei naufraghi in un porto sicuro".

Lo ha detto uno dei finanzieri al servizio nel gruppo navale della Guardia di Finanza di Lampedusa, che ha preferito rimanere anonimo nell'intervista rilasciata all'Adnkronos. Ora, in 13 pagine di ordinanza, la giudice spiega perché ha deciso di non convalidare l'arresto di Rackete, escludendo il reato di violenza e resistenza a nave da guerra (articolo 1100 del codice della navigazione) e ritenendo "giustificato" quello di resistenza a pubblico ufficiale. "È stata una scelta incredibile con motivazioni incredibili perché qui si è messo a rischio la vita di alcuni uomini delle forze dell'ordine che stavano facendo il loro lavoro". Qualcuno riesuma una vicenda sollevata da Giuseppe Arnone, l'avvocato che ad Agrigento ha portato avanti una dura campagna contro diversi magistrati, vicenda che ha portato a un procedimento penale aperto a Caltanissetta. Noi abbiamo eseguito solo ordini legittimi e invece passiamo per chi commette un reato. E ancora: "Mi sembra di stare a teatro con le comparse ma non so chi è il burattinaio". "Malta - ricorda a conferma il magistrato - non ha accettato le previsioni che derivano dalle modifiche alla convenzione Sar del 2004".