"Volevano che ci baciassimo", coppia gay picchiata sul bus

Le due donne erano al piano superiore di un double decker bus a Camden Town, a a Londra, e tornavano a casa la notte.

Tra le persone che hanno commentato la vicenda c'è stata anche la prima ministra britannica Theresa May, che ha detto: "È stata un'aggressione ripugnante e la mia solidarietà va alla coppia aggredita".

Due ragazze sono state pestate su un autobus a Londra per essersi rifiutate di darsi un bacio per "l'intrattenimento di un gruppo di ragazzi".

"Ci hanno circondate e hanno cominciato a dire cose molto aggressive, cose su posizioni sessuali e sulle lesbiche, e dicendoci di baciarci così che potessero guardarci". Chris ha persino finto di stare male, ma loro continuavano a molestarci, a tirarci delle monete e a caricarsi ancora di più.

"Per sdrammatizzare - ha aggiunto la donna - ho fatto delle battute, che Chris non capiva perché non parla inglese". Poi sono stata presa a pugni. "Alla vista del mio sangue ho avuto un capogiro e sono caduta all'indietro". L'episodio ha scosso l'opinione pubblica, le foto sono diventate virali e in molti hanno condannato l'accaduto, a cominciare dal sindaco di Londra, Sadiq Khan, che in un post ha denunciato questo "attacco disgustoso e misogino". "All'improvviso l'autobus si era fermato, la polizia era lì e io stavo sanguinando dappertutto e ho scoperto che le nostre cose erano state rubate". "Ho cercato di placare la situazione dicendo di lasciarci sole, perché Chris non si sentiva bene". "Dobbiamo sopportare le molestie verbali e la violenza sciovinista misogina e omofoba solo perché quando ti difendi ecco cosa accade". "Nessuno mai deve dover nascondere chi è e chi ama e dobbiamo lavorare per eliminare la violenza contro la comunità LGBT". Sono adolescenti - tra i 15 e i 18 anni - i quattro arrestati, riporta la Cnn. L'accusa è tentata rapina e lesioni aggravate.